Favola Ingolstadt, promosso in Bundesliga il club targato AUDI

312
0
CONDIVIDI
Ingolstadt
L'Ingolstadt festeggia il titolo di 2.Bundesliga

La Bundesliga si arricchisce di un’altra splendida favola calcistica, quella dell’Ingolstadt 04, neo promossa nel massimo campionato tedesco dopo solo 11 anni di vita. Se lo scorso anno i titoli furono tutti per il Paderborn, promosso per la prima volta dopo 109 anni di vita, stavolta i complimenti vanno ad una piccola cittadina della Baviera (120.000 abitanti circa) capace di mettere tutti in riga e bruciare le tappe come mani nessuno aveva fatto.

Il merito ma soprattutto i soldi sono del gruppo automobilistico AUDI, casa tra le più ricche e famose al mondo che nel 2004 volle creare questa squadra tra la fusione di due società, l’ ESV Ingolstadt e il MTV Ingolstadt. L’AUDI, seguendo il modello Volkswagen con il Wolfsburg, ha deciso di finanziare la squadra e di darle un florido futuro costruendole anche uno stadio bellissimo e ultra moderno inaugurato nel 2010, l’AUDI Sportpark.

La squadra in questa stagione è stata devastante, perché capace di restare al primo posto della 2.Bundesliga per quasi tutto il campionato fino a vincerlo matematicamente domenica scorsa con il 2-1 sul RB Lipsia, altra squadra di blasone e con grande potenzialità economica. 63 punti conquistati grazie alla bravura del tecnico Ralph Hasenhuttl e alla sagacia del d.s. Linke, fantastico nel creare dal “nulla” una storica promozione con appena due anni di programmazione. Di talenti come l’australiano Leckie, (6 gol e 7 assist in stagione) e dell’attaccante austriaco Hinterseer ( 11 reti in campionato) ne sentiremo parlare anche in Bundesliga nel prossimo anno. Così ad Ingolstadt, famosa oltre che per l’AUDI anche per l’hockey, arriverà anche il derby contro il Bayern Monaco, squadra che da sempre rappresenta la Baviera nel mondo. Chissà se un giorno, con altri importanti investimenti, magari proprio Ingolstadt potrà farsi carico di questa pesante eredità regionale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS