CONDIVIDI

“La passione tinge dei propri colori tutto ciò che tocca” recitava una frase di Baltasar Gracián y Morales. Il colore della passione, domenica scorsa a Firenze, è stato il viola. Un fiume di casacche di un viola acceso, intenso, meraviglioso, che ha colorato le strade del capoluogo toscano per la terza edizione della Deejay Ten, la ormai celeberrima gara podistica organizzata dall’omonima radio nazionale leader in Italia.

IMG_0658Non ce ne vogliano Milano o Bari, ma la tappa fiorentina della Deejay Ten è qualcosa di incredibilmente speciale. Sarà per il fascino infinito di questa città o per il sole estivo che ha scaldato gli animi degli oltre 15.000 partecipanti in un
Lungarno completamente dipinto di viola. Tutto ciò è un mix prezioso che fa di questa corsa la più amata delle 10 chilometri italiane, che ogni anno calamita in Toscana i runners di tutto lo stivale e non solo. È meraviglioso vedere insieme tanti atleti veri correre insieme a tanta gente “comune” che in una domenica mattina di maggio ha deciso di misurarsi con sé stessa e con gli altri senza paura di fare brutte figure.

Perché la Deejay Ten è più che altro una festa di colori e di sorrisi, fatta di incontri ma anche di piccole sfide

Nelle strade del centro storico ma anche sulla splendida terrazza di Piazzale Michelangelo, la fatica è andata a braccetto con le risate e la simpatia. Ragazze che correvano con i cani, mamme che spingevano a fatica la carrozzina con il proprio bambino cercando di insegnargli a correre fin da piccolo. E tra loro anziani, ragazze, amici e gruppi di appassionati. Tutto è stato organizzato con la massima serietà, ma in nessun momento l’agonismo sfrenato ha avuto il sopravvento sulla festa e sull’amicizia.

L’aria del grande evento si è respirata però al momento della partenza, dove sia in Piazza Santa Croce che sulla linea bianca del Lungarno Zecca Vecchia, la musica e la folla hanno creato quella suspance tipica delle grandi corse. Sono bastate poche battute del Trio Medusa e dello speaker e presentatore Federico Russo, per riportare il clima a quello di una tipica festa di paese.

E se la bellezza dei colli fiorentini ha allietato la prima parte del percorso, sono state le urla dei turisti e gli applausi dei tanti bambini presenti ai bordi delle strade a dare la carica ai partecipanti in un insieme unico tra i corridori e la città di Firenze. Passione condivisa, è questa sensazione che ha voluto trasmettere la Deejay Ten, che all’arrivo in Piazza della Signoria ha dato spazio a tanti artisti di strada che hanno ulteriormente colorato l’ambiente e divertito i partecipanti.

Il video della giornata

Il regalo più bello, però, è che tutto questo si ripete addirittura due o tre volte l’anno, dando la possibilità a tutti di parteciparvi almeno una volta. Il prossimo appuntamento è già fissato: l’11 ottobre a Milano. La tappa fiorentina, però, resta nel cuore di ogni partecipante che l’ha corsa, come un dolce e indelebile ricordo.

Deejay Ten

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS