CONDIVIDI

Il prossimo 5 e 6 giugno a Pomona, in California, si svolgeranno le finali della DARPA Robotics Challenge, un’importante competizione internazionale organizzata dalla DARPA che ha come obiettivo quello di definire gli standard tecnologici dei robot da impiegare in situazioni di disastri, sia naturali sia causati dall’uomo. PTra le numerose squadre provenienti da tutto il mondo, parteciperà alla competizione anche il team dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova guidato dal ricercatore Nikolaos Tsagarakis che rappresenterà l’Europa con Walkman, un robot umanoide realizzato in collaborazione con il Centro di Ricerche “E. Piaggio” di Pisa.

A tal proposito, Roberto Cingolani, direttore scientifico di IIT ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di potere partecipare alla DRC con un progetto costruito interamente in Italia e in rappresentanza dell’Europa. Sono molti i paesi del mondo che investono nelle tecnologie robotiche, proprio per il loro valore applicativo, dalla domotica ai risvolti biomedicali e industriali. Walkman è la dimostrazione che anche l’Europa, e in primis l’Italia, gioca un ruolo decisivo per lo sviluppo del settore, in particolare nella definizione degli standard tecnologici di una delle principali tecnologie del futuro.”

Walkman_DARPA_Robotics_Challenge

Alto 1,85m e pesante 120kg, con un busto in grado di ruotare di 180°, braccia estremamente snodate e consumi di energia ridotti, Walkman dovrà vedersela con altri 25 “colleghi”, tra cui i robot del Jet Propulsion Labs della NASA e quello realizzato dal DARPA in collaborazine con Boston Dynamics. La competizione, il cui premio finale ammonta a 3,5 milioni di dollari spartito tra le prime tre squadre classificate, prevede una serie di prove: i robot partecipanti dovranno muoversi ed operare in autonomia, salire scale, superare ostacoli, aprire porte e girare valvole, manovrare utensili di lavoro e guidare un veicolo, con le comunicazioni fra il team e il robot che in diverse circostanze verranno interrotte al fine di rendere ancora più realistica la simulazione di una situazione di emergenza.

Come dichiarato dallo stesso Tsagarakis la partecipazione al Darpa Robotics Challenge e il confronto con le altre squadre all’interno di uno scenario realistico – e in quelli che verranno a breve definiti insieme agli enti di Protezione Civile – permetterà di capire se lo sviluppo del progetto si stia muovendo nella giusta direzione.

Non ci resta che attendere per conoscere gli esiti delle competizione, ma cogliamo l’occasione per augurare buona fortuna a Walkman e al suo team. Vi lasciamo ad un breve video di presentazione in cui potete dare un’occhiata al robot e alle sue capacità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS