CONDIVIDI
Apple Steve Jobs

Cambiare un leader è importante ma in alcuni casi può essere controproducente. Lo sanno bene quelli di Apple, azienda che nel 1985 allontanò Steve Jobs e rischiò di fallire dopo tante scelte sbagliate. Quando Jobs tornò al suo posto nel 1996 lavorò per riportare Apple sul tetto del mondo e ci riuscì. Tim Cook ha saputo continuare il lavoro svolto dal suo predecessore (morto nel 2011 a causa di un cancro) e oggi l’azienda Apple possiede un brand dal valore di 145,3 miliardi di dollari, il più alto in assoluto secondo Forbes, con una crescita del 17 per cento rispetto al 2014. L’azienda di Cupertino ha saputo vendere 74,8 milioni gli smartphone in tutto il mondo nel quarto trimestre del 2014, con una crescita del 49 per cento rispetto all’anno precedente.

Mentre Samsung spende quasi 4 miliardi di dollari per la pubblicità, Apple ne ha investiti soltanto 1,2 miliardi lo scorso anno. L’azienda californiana ha rivoluzionato quattro industrie nel corso degli ultimi 15 anni, con il lancio dei vari iPhone, iPad, iPod e iTunes. Il prossimo obiettivo della società di Cupertino è rivoluzionare il mercato degli orologi con il lancio di Apple Watch.

I 15 brand di maggior valore nel 2015 secondo Forbes

Al secondo posto nella classifica dei brand dal valore più alto si piazza Microsoft. Il marchio dell’azienda con base a Redmond ha un valore di 69,3 miliardi dollari, in crescita del 10 per cento. La società ha investito 11 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo l’anno scorso e i risultati stanno per essere messi a disposizione di tutti (Skype Translator, Windows 10 e Windows 10 Mobile). L’azienda punta ad avere un miliardo di utenti Windows 10 entro il 2018.

A completare le prime cinque posizioni ci sono Google (65,6 miliardi di dollari), Coca-Cola (56 miliardi) e IBM (49,8 miliardi).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS