Segnalazioni alla Polizia Locale via smartphone. A Roma arriva “IoSegnalo”

481
0
CONDIVIDI

Non servirà più il telefono per segnalare alla Polizia Locale di Roma incidenti, buche, auto in doppia fila e rumori molesti. Basterà uno smartphone o un computer connesso a Internet. Nella “Casa della Città” in via della Moletta nella zona della Garbatella è stato presentato il servizio sperimentale “ioSegnalo“. La nuova piattaforma, voluta dal Comandante Generale della Polizia Locale di Roma Capitale Raffaele Clemente, darà la possibilità ai cittadini romani di segnalare problemi e disagi nella città con pochi clic. La segnalazione inviata tramite “ioSegnalo” arriverà direttamente nel cuore della centrale operativa della Polizia Locale.

Il Corriere della Sera ha preso posizione nella vicenda con un articolo dove vengono definiti “delatori” e “collaborazionisti” i cittadini intenzionati a utilizzare la piattaforma. Raffaele Clemente ha difeso la “sua creatura” spiegando su Facebook i motivi che lo hanno spinto a creare il servizio: «Perché per fare il giro del mondo basta qualche click e una carta di credito e per chiedere l’intervento della Polizia si dovrebbe solo strillare o usare il telefono?».

Polizia Locale Roma

«Invece di investire su uno strumento antico e costoso come il telefono abbiamo speso pochissimo per uno strumento più moderno», ha spiegato Clemente.

Nessuna applicazione disponibile sugli store mobile. “ioSegnalo” è realizzato con una struttura responsive in grado di ottimizzarsi automaticamente in base al dispositivo che si sta utilizzando per la navigazione.

Con questa iniziativa si sta provando a sensibilizzare i cittadini romani rendendoli protagonisti di spazi e servizi pubblici. L’utilizzo sociale di un’applicazione come WhatsApp ha aiutato certamente a comprendere le potenzialità dei nuovi strumenti comunicativi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS