CONDIVIDI
Royal Baby

La royal baby si chiama Charlotte Elizabeth Diana. Dopo alcuni giorni dalla nascita della secondogenita di William e Kate, l’annuncio è stato dato dall’account twitter di Kensington Palace.

Il perché del nome

Una scelta, quello del nome, che ha un forte valore simbolico. Gli esperti di questioni della Corona inglese, assicurano che la scelta di Charlotte è stata fatta per dare un’identità precisa alla piccola. Gli altri due nomi, invece, sono dei chiari omaggi. Elizabeth richiama ovviamente la bisnonna, attuale Regina d’Inghilterra, mentre il terzo nome, Diana, è un omaggio a Lady D., Principessa di Galles, nonna della piccola e mamma del principe William, deceduta nel 1997. Fonti vicine alla Corona assicurano che la scelta di associare il nome della sovrana con quello di Diana è stato frutto di un accordo tra William e Kate e la Regina stessa.

giornali royal baby

I giornali schierati per Diana

In attesa del nome, i tabloid erano scesi in campo sostenendo che la bambina dovesse  chiamarsi Diana proprio per omaggiate la Principessa di Galles. Il Daily Telegraph, il piu’ autorevole giornale britannico d’orientamento conservatore, ha condotto una vera e propria campagna mediatica affinché la scelta ricadesse su quel nome. I bookmaker, invece, davano come favoriti tre nomi: Alice, Olivia e appunto Charlotte.

L’omaggio di Londra e la successione

Londra, intanto, ha accolto la nascita della Royal Baby con attesa e si è subito colorata di rosa per festeggiare la nuova nata. Diversi i monumento e i luoghi simbolo della capitale britannica che sono stati illuminati in onore di Charlotte. Le poste hanno dedicato alla piccola un francobollo celebrativo, mentre i giornali hanno aperto la propria edizione domenicale con la foto di rito dei due genitori e la piccola. La principessina è quarta in linea di successione al trono dopo il nonno (il principe Carlo), il padre (il principe William), il fratello (il principino George) e prima dello zio (il principe Harry).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS