CONDIVIDI

Dopo mesi di ritardi e polemiche, Expo 2015 apre le porte al pubblico. Alle ore 10, mentre gli operai erano ancora al lavoro per completare gli ultimi dettagli, sono stati aperti i cancelli. Alle 12 ci sarà la cerimonia inaugurale alla quale parteciperà il presidente del Consiglio Matteo Renzi, Papa Francesco (collegato in video) e una ventina tra capi di Stato e di governo internazionali.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella non sarà presente all’inaugurazione dell’Esposizione Universale ma ha voluto mandare comunque un messaggio al Paese con un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. «L’Expo sia un punto di svolta, oggi parte un nuovo ciclo – ha detto il presidente della Repubblica – Non ho mai avuto dubbi sulla capacità dell’Italia di ripartire e i segni di vitalità sono già visibili alla partenza della manifestazione».

L’inaugurazione di Expo 2015

Nella serata di ieri c’è stato il concerto in mondovisione di Andrea Bocelli, protagonista della serata insieme all’orchestra della Scala. Tre ore di show per il cantante italiano che si è esibito davanti a oltre 20mila persone. A presentare l’evento Paolo Bonolis e Antonella Clerici. In platea erano presenti la moglie del presidente del Consiglio Agnese Renzi, il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina e Debora Serracchiani, vice segretario del Pd e governatore del Friuli.

Non sono mancati i problemi prima dell’apertura di Expo 2015. Durante le prove generali della città un corteo di antagonisti e studenti voleva lanciare uova piene di vernice. C’era anche chi si era attrezzato con pietre e martelli. Anche durante la notte un gruppo di incappucciati si è presentato davanti alla questura, fortunatamente senza conseguenze. Dopo l’inaugurazione, più precisamente alle 14.30, partirà il corteo No Expo con ulteriori proteste serali che potrebbero arrivare in piazza Scala.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS