Valve ci ripensa: niente più mod a pagamento

124
0
CONDIVIDI

Nel corso degli ultimi giorni, in rete è venuta fuori la controversa questione delle mod a pagamento. La Valve Corporation, società videoludica fondata da Gabe Newell che ha dato i natali a titoli del calibro di Half-Life e alla ormai famosissima piattaforma di PC gaming Steam, qualche giorno fa aveva infatti annunciato l’introduzione delle mod a pagamento: i modder, ossia coloro che ideano e sviluppano delle modifiche per i giochi per PC, sarebbero stati liberi di vendere le proprie mod su Steam Workshop, il servizio della piattaforma di Valve che permette di scaricare file per modificare i giochi della propria collezione. Il primo gioco a supportare le mod a pagamento è stato The Elder Scrolls V: Skyrim e ai modder è stata concessa totale libertà sulle loro creazioni. L’autore di una mod può infatti scegliere se mantenerla gratuita, se mettere un prezzo fisso o se lasciare che siano i giocatori a fare un’offerta libera.

L’utenza, gran parte della quale ha fruito di tali mod in maniera del tutto gratuita finora, ha accolto negativamente la notizia e si è subito fatta sentire lamentandosi in rete. E così, a pochi giorni dall’annuncio ufficiale, Valve si è vista costretta a fare marcia indietro, ritirando queste mod a pagamento dal mercato.

Pensavamo che le mod a pagamento avrebbero portato migliori contenuti, sia gratuiti che a pagamento. Abbiamo però sottovalutato le differenze tra il nostro precedente modello di business e quello con l’aggiunta di mod a pagamento per Skyrim

Esordisce così Valve nel suo comunicato stampa di questa mattina.

Rimuoveremo l’opzione dal workshop di Skyrim. Chiunque avesse speso dei soldi verrà rimborsato della somma completa […] Non sapevamo esattamente cosa aspettarci. Abbiamo lanciato varie novità nel corso degli anni pensate per migliorare l’esperienza degli Steam creators. Le cose erano andate diversamente

Anche Bethesda, software house che ha dato vita alla serie The Elder Scrolls, ha detto la sua in merito:

Dopo avere discusso con Valve, ascoltando il parere della community, le mod a pagamento sono state rimosse dallo Steam Workshop. Avevamo le migliori intenzioni, ma il feedback è stato chiaro: non le volete.

E voi, cosa ne pensate? Vi piaceva quest’idea delle mod a pagamento, o approvate questo cambio di direzione intrapreso dalla Valve?

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS