Turchia: morto nel blitz dei corpi speciali il magistrato sequestrato dai terroristi

277
0
CONDIVIDI

E’ finito nel peggiore dei modi il sequestro pm Mehmet Selim Kiraz preso in ostaggio da due ‘brigatistì del gruppo di estrema sinistra Dhkp-C a Istanbul. L’irruzione delle teste di cuoio turche si è trasformato il uno scontro a fuoco con i terroristi che ha portato all’uccisione del magistrato e dei sequestratori. I brigatisti avevano preso in ostaggio Mehmet Selim Kiraz per chiedere “giustizia” sulla morte di Berkin Elvan, il ragazzo simbolo delle grandi proteste di Gezi Park.

Elvas, 15 anni, era morto nel 2013 quando, uscito di casa per andare a comprare il pane, era stato  colpito da un candelotto lacrimogeno durante le proteste di Istanbul ed è morto dopo nove mesi di agonia. Il poliziotto responsabile di quella morte è stato individuato soltanto poche settimane fa, ma non è stato ancora incriminato.

i brigatisti del dhkp-c si erano resi protagonisti di un attacco kamikaze nel 2013 contro l’ambasciata americana a Ankara

Durante il blitz delle forze speciali il magistrato è rimasto ferito e poco dopo è morto in ospedale nonostante il tentativo dei chirurghi di salvarlo. Il premier Ahmet Davutoglu ha difeso l’operato della polizia, ribattendo alle polemiche che già infuriano per l’esito del blitz, e ha lanciato un appello all’unità nazionale. Le fotografie del magistrato diffuse nel pomeriggio sulle reti sociali, una pistola puntata sul capo, ripreso davanti alla bandiera rossa con una stella a cinque punte del Dhk-C hanno scioccato il paese. Rimane da chiarire come il gruppo terrorista, riconosciuto tale oltre che dalla Turchia, anche dagli Usa e dall’UE possa essere riuscito ad introdursi con le armi all’interno del Palazzo di Giustizia. Un elemento che potrebbe spiegare la riuscita dell’azione terroristica è il black out elettrico che ha riguardato Istanbul nella giornata di ieri e che a questo punto, come ipotizzano le autorità, potrebbe anche essere collegato all’operazione terroristica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS