Periscope: l’app che porta il mondo in diretta streaming

196
0
CONDIVIDI

Video trasmessi in diretta attraverso la pressione di un tasto virtuale. E’ questo in sostanza ciò che sa fare Periscope, la nuova app lanciata da Twitter. Diventata subito un fenomeno virale, l’app è stata acquistata dal gigante del microblogging all’inizio dell’anno per un centinaio di milioni di dollari.

Non è un prodotto rivoluzionario. Sono disponibili già da mesi applicazioni che fanno più o meno la stessa cosa come Livestream, Twicasting o Younow. Periscope ha trovato però la via del successo sfruttando nel migliore dei modi l’utenza che popola  Twitter. Grazie al sistema di notifiche integrato, gli utenti che la utilizzano possono sapere in tempo reale chi sta trasmettendo in streaming. Vengono notificati i video degli amici che seguiamo sul social oppure i personaggi famosi che utilizzano l’applicazione.

Periscope app

L’interazione è tutto e Periscope non lascia nulla al caso. Possiamo essere partecipi del video trasmesso in diretta inviando cuoricini (facendo tap sullo schermo) oppure commentando ciò che sta accadendo in diretta. Anche la semplicità gioca un ruolo fondamentale nel successo di questo nuovo servizio. Il collegamento con l’account Twitter è immediato così come l’entrata “in diretta”. Il pulsante centrale abilita il live-video mentre gli altri due danno accesso ai Live più popolari e agli utenti che seguiamo.

Terminata la diretta, il filmato rimane memorizzato su Periscope per 24 ore, per poi sparire nel nulla. L’applicazione Meerkat, che si pone come vera antagonista di questo nuovo servizio, utilizza un approccio più in stile Snapchat cancellando il contenuto immediatamente al termine della diretta.

Mancano ancora funzionalità basilari come la possibilità di embeddare i live video su pagine web o altri social network. Con l’introduzione della versione compatibile con Android, in arrivo a breve, la mole di utilizzatori di Periscope non potrà che aumentare vertiginosamente.

Fiorello star di Periscope, la nuova app per live streaming di Twitter

Cosa cambierà? Rispetto ad altri servizi che si occupano di trasmettere video in diretta, Periscope punta sull’immediatezza. Non c’è regia, non esiste moderazione. Hanno messo nelle mani degli utenti uno strumento che permetterà loro di filmare ciò che hanno davanti. L’inviato di turno potrà mostrare ai propri “seguaci” quale luogo remoto della terra sta esplorando, oppure il musicista potrà suonare un pezzo in Live condividendo questa sua esperienza con i fan che lo seguono su Periscope (chiedete a Jovanotti per maggiori info…)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS