Roma: le strisce blu si pagano con un'app

1288
0
CONDIVIDI

A Roma le strisce blu si pagano con un’app. Il nuovo servizio funziona grazie all’applicazione gratuita Telepass Pyng, utilizzabile anche da coloro non hanno l’apposito Telepass in auto. Invece di pagare in modo tradizionale – tramite parcometro – possiamo farlo direttamente dall’app, sborsando per i minuti effettivi della sosta.

Il nuovo servizio è stato presentato oggi in Campidoglio dall’Assessore alla Mobilità e ai Trasporti del Comune di Roma, Guido Improta, dall’Amministratore delegato di Telepass, Ugo de Carolis e dal Presidente di Atac, Roberto Grappelli.

Per pagare basta aprire l’app e impostare l’effettiva durata della sosta. Gli ausiliari del traffico Atac riescono a verificare il pagamento tramite la targa. Inserendo il numero nel loro dispositivo possono controllare in tempo reale la regolarità del versamento.

Ugo de Carolis ha commentato così tale novità:

“Telepass sta lavorando da tempo per offrire sempre più servizi che facilitino gli spostamenti dei propri clienti anche al di fuori dell’autostrada e Telepass Pyng ne è una conferma. L’avvio del servizio a Roma, in partnership con Atac, rappresenta un importante traguardo raggiunto grazie alla proficua collaborazione Telepass e Roma Capitale. Sono sempre più numerosi i servizi che offriamo ai nostri clienti: il soccorso meccanico gratuito in autostrada ed in città, oltre a tutti i vantaggi del Telepass Premium Extra; la possibilità di pagare la sosta nei principali parcheggi italiani (aeroportuali, ferroviari ecc.); il pagamento della ZTL di Milano e ora il pagamento delle strisce blu.”

Qui potete scaricare la versione per iPhone. Da questo link invece quella per Android.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS