Acqua: bere tanto aiuta a lavorare meglio

309
0
CONDIVIDI

Sappiamo bene che l’acqua è l’elemento principe della vita umana, quindi capiamo che la necessità di bere regolarmente è di “vitale” importanza, soprattutto quando sottoponiamo il nostro organismo a degli sforzi. Ad esempio, idratarsi sul posto di lavoro è fondamentale, anche e soprattutto, per il modo in cui influenza le nostre performance.

Sebbene l’acqua non contenga nutrienti, essa costituisce circa il 70% del peso corporeo umano e, per questo, è necessario idratare sempre bene l’organismo così da reintegrare i liquidi che sono stati espulsi attraverso la respirazione, il sudore e le urine. Inoltre, l’assunzione regolare di acqua permette l’eliminazione di scorie, favorisce lo sviluppo muscolare (per chi fa sport) ed ha un effetto “estetico” in quanto rende i tessuti più rigidi e compatti.

Altro elemento fondamentale dell’idratazione è la riuscita delle nostre performance lavorative. Infatti, l’acqua ci aiuta a mantenere la concentrazione, la produttività, la sicurezza e il benessere fisico e mentale. La maggior parte delle persone passa più tempo al lavoro che a casa. Quindi, il bisogno di idratarsi a dovere sul luogo di lavoro diventa necessario oltre che utile per trarne vantaggi. Perché la disidratazione può compromettere le performance fisiche e cognitive.

Talvolta senza esserne consapevoli si ha una perdita di liquidi ed acqua, anche in assenza di sudorazione. Ad esempio lo stress, l’aria secca dovuta ad un eccessivo riscaldamento o all’aria condizionata in ufficio o il tragitto casa/lavoro, sottopongono l’organismo ad una perdita di liquidi. E ancora, durante i mesi invernali, l’organismo non riesce sempre ad avvertire il senso di sete poiché le condizioni climatiche alle quali è sottoposto non permettono che questo accada come invece succede durante i mesi caldi dell’anno.

Il Dipartimento della salute raccomanda l’assunzione di almeno 1,2 litri di liquidi al giorno che, corrispondono a circa 6 bicchieri da 200 ml, anche se ovviamente la quantità dipenderà dal genere (femminile, maschile) e dalla tipologia di lavoro svolta. Per evitare la disidratazione mentre si lavora è allora necessario utilizzare tecniche e trucchetti che non ci facciamo dimenticare di bere.

Una buona pratica è quella di iniziare con il bere un bel bicchiere d’acqua appena svegli, prima di qualsiasi altra cosa.

Al lavoro, invece, potrebbe essere utile tenere una bottiglia d’acqua sulla scrivania e berne dei sorsetti di tanto in tanto e poi sfruttare le pause per assumere frutta e/o verdura, contribuendo così ad assumere acqua in maniera indiretta ma comunque sana. Oppure avere una bottiglia sempre con sé, che sia in casa, che sia l’ufficio, la palestra o la passeggiata al parco potrebbe essere un altro modo. Per evitare di dimenticare di mettere in borsa una bottiglietta di acqua prima di cominciare la giornata, possiamo fare una scorta di bevande su Staples o qualsiasi altro rivenditore online e richiedere la consegna dell’ordine direttamente all’indirizzo del nostro posto di lavoro.

Benché l’acqua sia fondamentale non tutti ne prediligono il gusto e ricorrono a bevande zuccherine, non proprio salutari. Suggeriamo allora di prediligere il consumo di acqua frizzante o l’aggiunta di qualche fetta di limone per evitare un apporto calorico eccessivo senza però limitarne il gusto.

Quindi, non dimenticate che l’idratazione oltre ad essere un fattore vitale è necessario a migliorare le nostre capacità di concentrazione e di conseguenza la nostra produttività al lavoro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS