DRM: doppia ripetizione e ottimo allenamento

1199
0
CONDIVIDI

Esiste un tipo di allenamento, particolare, che non sconvolgerà tanto quello che facciamo in palestra, ma come lo facciamo! Si chiama Metodo a doppia ripetizione (in inglese Double Rep Method – DRM ndr).

Il DRM, concettualmente, ricalca quanto abbiamo avuto modo di vedere negli articoli dedicati a “Serie e Ripetizioni“, con questo metodo, forse, la transizione verso un corretto e migliore allenamento potrebbe essere più facile. Vediamo perché partendo dalle basi! Non sono molte le cose che dobbiamo sapere sul DRM: principalmente questo tipologia di allenamento si basa sull’alternanza di lavoro e riposo. Prendiamo come esempio l’esercizio degli stacchi da terra: eseguiamo una serie facendo il massimo delle ripetizioni possibili con un carico adeguato (es. 10), riposiamo per 10 secondi e facciamo altre 2 ripetizioni, riposiamo altri 10 secondi e proviamo a fare un’altra ripetizione o 2, proseguiamo alternando lavoro e brevi pause fino a quando non saremo riusciti a fare un numero di ripetizioni pari alle 10 eseguite inizialmente. Cosa abbiamo ottenuto in questo modo?

www.overpress.it-running-exerceo-allenamento-double-reps-method-drm-Deadlift

Bhè, avremo brutalmente allenato il nostro corpo innescando quei meccanismi che ci porteranno a costruire massa muscolare, forza e anche a bruciare il fastidioso grasso in eccesso. Il DRM massimizza le richieste di ATP durate la contrazione chiamando in causa il maggior numero possibile di fibre muscolari, ottimizzando (riducendole) il totale delle ripetizioni da eseguire; ecco perché funziona! Il DRM sembra proprio essere l’uovo di Colombo dell’allenamento, forse lo è ma richiede grande “mestiere” e massima concentrazione pena il rischio di farsi male.

www.overpress.it-running-exerceo-allenamento-double-reps-method-drm-Deadlift-muscolar-fiber-fibra-muscolare

Un’ultima puntualizzazione riguardo la fase di riscaldamento: se con il DRM l’allenamento vero e proprio viene ridotto ad una singola serie (come descritto ndr) non dobbiamo dimenticarci di fare, prima, un ottimo, classico riscaldamento eseguendo lo stesso esercizio (lo stacco da terra nel nostro caso ndr) con un carico ridotto. Un riscaldamento ottimale? 3 – 4 serie da 10 -12 colpi intervallate da un minuto di pausa sarebbero perfette. Buon allenamento con il DRM e alla prossima!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS