Microsoft, Windows 10 sarà un punto di non ritorno

1963
0
CONDIVIDI

Quanti di voi vedono tablet basati su Windows 8.1? Pochi, se non nessuno. Il sistema operativo mobile di casa Microsoft, che si divide fra Windows Phone 8.1 e Windows 8.1 per processori ARM, non ha mai lasciato il segno sul mercato a causa dei due grandi rivali Apple e Google. Con mercoledì l’azienda americana mostrerà il nuovo Windows 10 e le maggiori feature per quanto riguarda il mercato consumer e mobile, nel tentativo di mostrare come, nel prossimo rilascio, si sia riusciti a risolvere i problemi delle precedenti release sia mobile che desktop.

Sappiamo infatti, e chi ha Windows 8.1 sul PC saprà con certezza, che l’attuale versione del sistema operativo non è proprio il massimo per quanto riguarda usabilità con mouse e tastiera, ne tanto meno solo usando un display touch, a causa della parte “desktop”. Insomma, ne carne ne pesce. Tutti questi difetti hanno portato molti utenti a non rischiare l’upgrade rimanendo al caro vecchio Windows 7. Obiettivo di questo nuovo Windows 10 è anche quello di attrarre i vecchi utenti Windows 7 in un luogo nuovo ma altrettanto familiare grazie alla reintroduzione del menù Start. Windows (Phone) 10, infine, dovrà ridar vita al settore mobile tutt’ora in fase di stallo grazie alla forza di Android e iOS. Microsoft, dopotutto, ha maggiore necessità di una rinascita nel mercato mobile più che desktop, dove le vendite rimangono stabili.

Già nel lontano settembre scorso Microsoft durante un evento presentò le novità dedicate al mondo del business mentre questo mercoledì sarà tutto dedicato alle novità consumer e mobile. Riuscirà l’azienda a risanare i problemi avuti con Windows 8.1? Lo scopriremo a breve.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS