Anche Telegram pecca in sicurezza

457
0
CONDIVIDI

Alex Rad e Juliano Rizzo, ricercatori in campo sicurezza, hanno trovato alcuni punti deboli di Telegram per quanto riguarda la sicurezza. In praticolar modo nella modalità di messaggistica sicura attraverso la funzione di utilizzo delle “visual fingerprints“.  Non si tratta di un problema relativo a falle o bug, ma relativo alla vita quotidiana.

Per utilizzare questa modalità criptata, i due utenti devono confermare le immagini della funzione in questione, ma se non sono vicini, l’unico modo è uno screenshot che potrebbe essere condiviso attraverso metodi non sicuri. Nonostante ciò, però, con qualche finanziamento ed un po’ di impegno, i due ricercatori sostengono che si potrebbe arrivare alla falsificazione delle “impronte” . Proprio sull’argomento c’è stato un aspro dibattito su Twitter tra J. Rizzo ed il team di Telegram, a riguardo della sicurezza dell’app.

Sicuramente, come i ricercatori sostengono, si potrebbe fare di più, utilizzando nuovi canali e sviluppando nuovi metodi. Ma sappiamo già che Telegram è un passo avanti agli altri in questione security.ljk1jl7

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS