TIM permette di pagare app su Google Play con il credito telefonico

2296
0
CONDIVIDI

Google, ormai diversi mesi fa, ha abilitato la possibilità di pagare app sul Google Play Store utilizzando il credito telefonico. Wind e Vodafone (in parte) hanno già abilitato tale opzione. Da poche ore ha aderito anche un altro operatore italiano, il più importante, ovvero TIM. Per verificare se l’opzione “Paga con credito telefonico” è già attiva recatevi sullo store mobile del colosso californiano e controllate le opzioni di pagamento.

credito tim google play

Google ci spiega qui sotto come procedere all’acquisto via credito telefonico:

1. Assicurati di essere sulla rete dell’operatore, non Wi-Fi; se stai utilizzando una rete wireless, non sarai in grado di acquistare tramite fatturazione con l’operatore;
2. Individua l’app Android che desideri acquistare su Google Play e tocca il rettangolo blu che contiene il prezzo;
3. Seleziona l’opzione relativa all’addebito sul tuo account mobile dal menu a discesa.
4. Tocca Accetta e acquista. Se hai già utilizzato la fatturazione con l’operatore in passato, hai finito. Inizierà il download della tua app;
5. Se necessario, aggiungi le informazioni sul tuo indirizzo nello spazio apposito;
6. Tocca OK;
7. Conferma le informazioni sul tuo indirizzo nella schermata di verifica, effettuando le eventuali correzioni necessarie;
8. Tocca Accetta e acquista.

Se ancora non vedete comparire l’apposita voce assicuratevi di aver soddisfatto tutte le seguenti condizioni:

  • Deve essere in uso la rete dell’operatore (3G/4G), non la rete wireless;
  • Devi acquistare da Google Play sul dispositivo, non sul Web;
  • Devi essere in regola con il tuo operatore e non aver superato il limite dell’operatore sulla spesa mensile;
  • Il dispositivo/piano di servizio deve essere stato attivato per gli acquisti di contenuti premium;
  • Il tuo dispositivo deve essere predisposto per l’utilizzo della fatturazione diretta con l’operatore;
  • Assicuratevi di non essere in Blacklist con alcuni servizi bloccati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS