Sony: dopo l’attacco Hacker inizia la contromossa

417
0
CONDIVIDI

Nei giorni scorsi Sony è stata vittima di un attacco hacker, con un danno di oltre 100 milioni di dollari. Le informazioni trafugate e diffuse si sono rivelate moltissime e proprio per questo, la società ha deciso di controbattere, mettendo in tavola le sue mosse. Alcune fonti danno per certo l’inizio di un contrattacco di Sony mirato ad evitare la diffusione dei dati rubati, attraverso diversi metodi già usati dalla società in passato.

Sony avrebbe iniziato infatti un attacco DDoS contro la rete torrent che conterrebbe i dati in questione, con l’utilizzo di diversi stabilimenti server in Asia gestiti da Amazon Web Services. Un attacco che ha come obiettivo quello di rendere più difficile la vita a coloro che vogliono impossessarsi delle suddette informazioni, mettendo in rete file erronei e fonti corrotte, rallentando tutto il processo.

Così facendo, la società ha intenzione di diminuire la diffusione dei dati sensibili trapelati, un po’ come capitò con il lancio di Spider Man nel lontano 2002, quando Sony mise in rete centinaia di file spacciati per streaming del film ma non veritieri, scoraggiando la pirateria.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS