Arduino è un’opera d’arte al MoMA

567
0
CONDIVIDI

Che cosa hanno in comune i Post-It, i Chupa Chups e le penne Bic? Sono tutte opere d’arte presenti al MoMA di New York. Fanno infatti parte degli Humble Masterpiece, una collezione delle opere che rappresentano il ruolo centrale della tecnologia nella vita di tutti i giorni:

These objects reflect the deep and central role technology and interface design now play in education, production, and our everyday lives.

Tra le recenti acquisizioni del museo tra gli Humble Masterpiece è presente un’opera che sta definendo a modo suo una cultura, la cultura dei maker: stiamo parlando di Arduino, la scheda elettronica più famosa quando si parla di prototipizzazione e design di un prodotto, un prodotto orgogliosamente ideato e fabbricato in Italia.

Arduino MoMA

 […] the Arduino acts as a platform for the interdisciplinary practice that lies at the heart of so much compelling contemporary work across science and the humanities.

Arduino è al Museum of Modern Arts per un motivo: è l’interfaccia più utilizzata per creare quel qualcosa di nuovo che si cerca nell’arte moderna, e non solo. Come per la Bic, i Post-It e i Chupa Chups è un prodotto utile e di design che permea la vita di tutti i giorni, o quasi. A tutti gli effetti Arduino al MoMA rappresenta l’Elettronica, con l’iniziale volutamente maiuscola: è una piattaforma hardware open-source e questo significa che è, di fatto, di tutti:

[…] the Arduino acts as a platform for the interdisciplinary practice that lies at the heart of so much compelling contemporary work across science and the humanities.

Chi scrive ha, per ora, utilizzato di più un’altra piattaforma simile, il Raspberry Pi: più facile da un certo punto di vista, considerato che è possibile utilizzare un vero sistema operativo come Raspbian, più difficile perchè più impegnativo dal punto di vista economico: Arduino ha infatti dalla sua il basso costo per la prototipizzazione e la grandissima gamma di board disponibili, mentre il Raspberry Pi è disponibile solo in quattro versioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS