Panasonic Lumix GF6k: la recensione

1002
0
CONDIVIDI

Attualmente il mondo della fotografia si può considerare “spaccato”, se vogliamo utilizzare un termine alquanto spartano. Quel che voglio dire è che a differenza di qualche anno fa, dove c’erano i fotografi più amatoriali con le compatte e le bridge e quelli più esperti con le reflex, adesso ci troviamo in piena crisi, visto il recente sorpasso della nuova categoria delle Mirrorless. Fotocamere per la maggior parte di piccole dimensioni, ma che nascondono grandi doti e potenzialità, oltre che ad una versatilità elevata.

Sempre più si vedono fotografi che passano dal sistema Reflex a quello Mirrorless, e c’è da dire che in molti casi fanno anche bene. Le mirrorless stanno riuscendo ad offrire sempre più dei risultati di altissima qualità, superando spesso le reflex, e garantendo una portabilità maggiore. Io mi ritengo un conservatore, in quanto, anche se utilizzandone di diverse, ho sempre preferito il “feeling” che si ha con una Reflex. A tal proposito mi piacerebbe sapere la vostra nei commenti.

Però, non siamo qui per parlare di tutto ciò, bensì per scoprire assieme la Lumix GF6k, una piccola Mirrorless di Panasonic che ho potuto apprezzare negli ultimi tempi. Si tratta quindi di una micro 4:3, che sinceramente mi ha sempre soddisfatto, anche se ho storto il naso più volte. Ma come di consueto, iniziamo a parlare del fattore design e rimandiamo i tecnicismi di qualche rigo.

Panasonic Lumix (3 di 9)

Se si è semplici fotografi amatoriali ed occasionali, la Lumix GF6 apparirà abbastanza facile da utilizzare e rapida nei comandi (abbastanza numerosi possiamo dire). La ghiera posta nella parte superiore ci permette di scegliere tra le varie modalità di scatto. Troviamo quindi le modalità M,A,S,P e poi la modalità Scene, C1, C2, Pano, Video Manuale. Abbiamo quindi una vasta scelta che ai meno esperti potrà fare piacere.

Sempre nella parte superiore, troviamo poi il tasto di scatto con inclusa una ghiera (molto simile a quella di molte compatte per lo zoom) che ci tornerà davvero utile nelle modalità di scatto manuali e anche nella visione delle foto. Una scelta abbastanza elegante per offrire funzionalità e risparmiare spazio. A seguire sono presenti poi il tasto per la registrazione video e il tasto iA. Presente anche il tasto per il flash, che si è comportato sempre molto bene durante i test, ed il tasto a scorrimento per l’accensione.

Nella parte posteriore sono invece presenti i comandi dedicati alla navigazione e alle azioni di modifica dei parametri di scatto. Qui da precisare la ghiera presente intorno al pad, che ci servirà sia per le funzioni in M, che per scorrere rapidamente le foto nella galleria.

Nella parte laterale presente poi lo sportello con connessione HDMI ed USB 2.0.

Panasonic Lumix (8 di 9)

Prima di andare su una delle caratteristiche principale della Lumix GF6, soffermiamoci sull’ergonomia ed il design. Come detto, i pulsanti sono distribuiti in modo abbastanza sensato sul corpo, rendendo la vita più semplice a chi usa i parametri di scatto in manuale, con ghiere e pulsanti funzione dedicati. Tra le cose che ho sempre rinfacciato alle mirrorless è proprio questo, il non avere comandi distribuiti in modo consono per un utilizzo prettamente manuale, causando una gestione dello scatto molto lenta e macchinosa. Con la GF6 posso dire che il problema era parziale, non è il massimo della comodità, ma mi sono trovato decisamente meglio rispetto ad altre concorrenti (punto a favore quindi).

In quanto ad ergonomia diciamo che siamo ad un livello accettabile, l’impugnatura è abbastanza pronunciata e ci permette una presa più o meno salda. Però, c’è da dire che il feeling che si ha con questo corpo, e mi duole dirlo, è quasi troppo da “giocattolo”. Il tutto è costituito in buona parte in plastica, una plastica che non da una sensazione di robustezza, ma l’esatto opposto. Se vogliamo spezzare una lancia a favore della Lumix, tutto ciò rende la macchina davvero leggera.

Panasonic Lumix (5 di 9)

Andiamo però alla caratteristica peculiare della Lumix GF6, ovvero il display, che mi è davvero piaciuto. Si tratta di uno schermo multi-touch basculante con una risoluzione di 1.040.000 pixel che si vedono tutti (positivamente). Ammetto che l’esperienza d’uso in tal senso è stata di elevato livello, un display luminoso e risoluto in maniera ottimale, sia in interna che all’esterno. La presenza del fattore touch sicuramente un punto a favore, soprattutto nella gestione dei menù, dei comandi e dell’AF. Anche se ogni tanto capitava di toccare lo schermo per sbaglio andando a modificare qualche valore, la comodità di poter scegliere un punto nello schermo (di diverse dimensioni) per la messa a fuoco è qualcosa di utilissimo.

Inoltre, essendo un display basculante in maniera estrema, era possibile ripiegarlo in modo adeguato sia per riprese dall’alto, dal basso, sia per riprese frontali (intendiamoci, spero non pensato per selfie).

Panasonic Lumix (6 di 9)E’ arrivato il momento di spendere due paroline per quanto riguarda le specifiche di questa Lumix GF6, che non ci delude nemmeno qui. In quanto a specifiche, troviamo:

  • Sensore Live MOS da 16 Megapixel;
  • Immagini fino a 4.592 x 3.448 pixel;
  • ISO 100-25600 (esteso);
  • Video Full HD fino a 1080p/60i (Motion Video);
  • Otturatore 60” – 1/4000;
  • Speed Burst fino a 20fps (SH) – 4,2fps LV + AF;
  • File JPEG e RAW;
  • Flash TTL – 1/160 sinc.;
  • Batteria 1205mAh;
  • NFC;
  • Wi-Fi.

Possiamo quindi constatare come la Lumix GF6 sia ben dotata di per sé, con diverse specifiche affatto male. Per quanto riguarda la resa d’immagine, mi posso ritenere abbastanza soddisfatto. La qualità è sempre stata ottimale, sicuramente il JPEG perdeva un po’, ma lavorando con i RAW un risultato accettabile era sempre garantito. La questione ISO non mi ha particolarmente stupito, già sui 640 la grana era evidente, ma anche ai livelli più bassi la resa in tal senso non era eccezionale. In situazioni di luce ottimale, provandola con l’obiettivo fornitoci in kit, il Lumix 14-42mm / F3.5-5.6 II ASPH (avendo provato la versione GF6K), si è dimostrata sempre all’altezza.

Devo riportare però come si sia dimostrata sempre reattiva e fluida, non ha mai dato segni di rallentamenti, quindi il processore utilizzato sembra far bene il proprio lavoro. Qualità d’immagine paragonabile quindi a molte entry-level APSC possiamo dire, anche se in quel caso, le immagini risultano meno dure e la grana è un po’ meno presente. Da considerare invece la reattività dell’Autofocus, che difficilmente sbagliava un colpo.

Panasonic Lumix (1 di 9)

La qualità video complessiva la si può considerare più che accettabile, ma in questo campo, Panasonic sa il fatto suo. Però, come avrete notato dalle specifiche prima elencate, due features davvero particolari sono sicuramente la presenza del modulo NFC e Wi-Fi, che davvero, funzionano egregiamente.

Le due tecnologie sono sempre più spesso implementate nelle fotocamere, ma le aziende produttrici, non sembrano aver le idee chiare su quello che riguarda il loro utilizzo. Panasonic, è invece all’opposto. Ci viene infatti offerta una configurazione davvero ampia e multifunzionale nella gestione del Wifi e dell’NFC on camera (ne sono rimasto stupefatto). Panasonic ci mette a disposizione un’app dedicata sia per iOS che per Android, che è davvero eccezionale. Difficilmente ho visto app del genere provenire dalle aziende madri, ma devo dire che in questo caso mi devo ricredere. E’ possibile ad esempio configurare la GF6 per collegarla al nostro iPhone tramite l’app apposita e poter gestire (avendo anche il Live View naturalmente) tutti i settaggi (e dico tutti) direttamente dallo smartphone, in maniera completa.

Panasonic Lumix (9 di 9)

VERDETTO FINALE: VOTO 8

Come avrete capito, la Lumix GF6k la grandi potenzialità, e Panasonic sembra aver capito di cosa il mercato Mirrorless abbia bisogno. Corpi compatti, leggeri, funzionali e che rendano bene. La GF6 ha tutto questo, purtroppo però ha bisogno di maturare in alcuni aspetti, come i materiali soprattutto ed alcune casette qui e lì che possono essere ancora perfezionate.

La Lumix GF6k è il concentrato ottimale per tutti i tipi di fotografi.

La funzione Wifi ed NFC è ben gestita (magistralmente direi), ma qualitativamente parlato, mi aspettavo di meglio. Sta di fatto che è una delle migliori mirrorless in commercio, in grado di soddisfare, appunto, tutti i tipi di fotografi. La Panasonic Lumix GF6k è disponibile su Amazon.it ad un prezzo di 445€

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS