L’Apprendimento Statico: costruire la corretta Postura – Parte I

794
0
CONDIVIDI

I traumi da carico iterativo e le deviazioni della colonna sul piano frontale e traverso (scoliosi), vengono normalmente affrontati e curati direttamente con utilizzo di farmaci, supporti rigidi o semi rigidi (plantari, busti). Non viene quasi mai affrontato il percorso indiretto che invece dovrebbe essere privilegiato in questo genere di situazioni.

Il percorso a ritroso (Canali Postural Method), sposta la reazione (ciò che realmente vediamo nel soggetto con coinvolgimento del piano frontale e trasverso) all’azione (primo contrasto con la causa, da cui dipende la reazione e che coinvolge il rapporto tra piano sagittale e frontale), e la causa che è quasi sempre insita nel piano sagittale e che stabilisce il coinvolgimento compensativo degli altri piani. La grande differenza tra questi due approcci è che il primo forza le condizioni reali del soggetto cercando di produrre un sistema non collaborativo di guarigione entrando in contrasto con la crescita del soggetto, con l’aumento delle sue leve e quindi della perdita dell’equilibrio che è la causa principale della scoliosi. Mentre la ricerca sul piano sagittale delle cause, tende a ridurre le resistenze e le dominanze proprie, dirette ed indirette, che producono una disattivazione addominale in angoli utilizzati in fase dinamica ma non attivi in fase statica che causano, sugli altri piani dello spazio, le compensazioni e le deviazioni negative. Il Canali Postural Method costruisce quindi un apprendimento collaborativo che “legge” gradualmente il ridursi delle cause negative e l’aumentare della stabilizzazione dei baricentri tecnici, nella loro funzione di regolatori tra attivazione e resistenze, nel delicato passaggio tra fase statica e dinamica.

www.overpress.it-exerceo-fitness-salute-benessere-allenamento-postura-canali-system

Le coppie di forza espresse dalle linee AB ed EF sono rappresentate anche dalla distanza CD tendente allo zero. La spinta del capo distale sull’addome dipende dalla capacità del capo prossimale di stabilizzare la gabbia toracica, rispetto alle sollecitazioni provenienti dalle resistenze/dominanze periferiche. La spinta della coppia di forze AB si somma alla spinta della coppia di forze EF, cioè la capacità che gli ischio crurali hanno di produrre un’estensione del bacino rispetto all’appoggio al suolo (attivazione indotta causa la fase di vincolo al suolo considerato come punto fisso). Da cosa dipende questa spinta? Lo vedremo nel seguito di questo articolo!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS