Fitness Metabolico: continuiamo così!

904
0
CONDIVIDI

Stiamo andando alla grande! Nelle tre precedenti lezioni (IIIIII ndr) abbiamo imparato a conoscerci e costruito delle buone basi per continuare questo percorso di Fitness Metabolico insieme.

Adesso è arrivato il momento di consolidare i concetti che abbiamo imparato e cominciare ad ampliare la gamma degli esercizi da svolgere. Insisteremo nella codifica di esercizi e abitudini al movimento da inserire nel contesto della vita quotidiana.

Quarta lezione di Fitness Metabolico:

  • 5′: Difficoltà e dubbi sull’attività svolta autonomamente;
  • 10′: Introduzione ai concetti di BMI e BFI da utilizzare come strumenti volti al miglioramento dei rapporti tra massa grassa, massa magra e peso assoluto;
  • 20′: Ripetizione della batteria di esercizi per la forza, utilizzando carichi moderati, spiegando l’importanza della forza in ogni ambito della vita quotidiana;
  • 15′: Spiegazione di una nuova unità motoria di resistenza utilizzando gli strumenti cardio a disposizione. Verifica dei miglioramenti nell’utilizzo autonomo dei macchinari;
  • 10′: Esercizi di allungamento e respirazione;
  • 5′: Assegnazione di unità motoria di mobilità da svolgere outdoor;

Obiettivi relazionali: Curare il rapporto con il medico curante in modo da mettere sempre di più il soggetto al centro della proposta, creando un rapporto di reciproca fiducia.

www.overpress.it-exerceo-fitness-metabolico-salute-benessere-allenamento

Quinta lezione di Fitness Metabolico:

Iniziamo con l’individuazione della qualità motoria più carente? Fissazione degli obiettivi da raggiungere alla fine del primo ciclo (Tre mesi circa)?

  • 5′: Chiarimenti su eventuali dubbi relativi all’attività;
  • 10′: Condizionamento iniziale con esercizi di mobilità a corpo libero;
  • 20′: Inserimento di una unità motoria relativa alla qualità più carente. Presentata come un blocco unico da ripetere più volte;
  • 15′: Inserimento di una unità motoria cardio. Verifica della comprensione del concetto di frequenza cardiaca dipendente dall’impegno cardiovascolare;
  • 10′: Esercizi di allungamento e respirazione;
  • 5′: Assegnazione di una unità motoria di resistenza e di mobilità da fare all’aperto;

Obiettivi relazionali: Definizione con una maggiore accuratezza degli obiettivi da raggiungere entro i primi tre mesi. Vanno definiti obiettivi raggiungibili attraverso piccoli step intermedi.

Buon allenamento! Il nostro percorso è appena cominciato, alle prossime lezioni!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS