Partnership Apple-IBM: il primo prodotto giungerà il mese prossimo

138
0
CONDIVIDI

La storica collaborazione tra Apple e IBM è vicina a rilasciare il suo primo prodotto di telefonia mobile. Stando infatti alle parole del CEO di Apple, Tim Cook, Apple-IBM lanceranno i nuovi dispositivi il mese prossimo, con l’obiettivo principale di stravolgere il modo di lavorare. Da questa premessa si intuisce che i device non saranno indirizzati ad un pubblico generico, ma al contrario molto specifico: i lavoratori.

Già nel mese di luglio, la compagnia di Cupertino aveva affermato di essere prossima ad effettuare un affare esclusivo con IBM, nel quale avrebbe venduto i suoi iPhone e iPad ad aziende che sfruttano i servizi di analisi e cloud di IBM. Le ultime dichiarazioni di Cook affermano che i primi prodotti saranno spediti a banche, governi, agenzie assicurative, agenzie di viaggi e ai trasporti di telecomunicazioni. Apple non ha rilasciato molti dettagli riguardanti questo progetto con IBM, e tutto ciò che sappiamo è che IBM si occuperà dello sviluppo di un iOS specifico per la sicurezza, per l’analisi e per la gestione di strumenti da implementare all’interno di iPhone e iPad, mentre la Mela lancerà i nuovi servizi di supporto per le imprese.

L’analista di Endpoint Technologies Associates, Roger Kay, sostiene che IBM ha prodotto una serie di applicazioni per il sistema operativo di iPhone e iPad collaborando con Apple. Secondo Kay, questa partnership tra le due aziende può giovare molto ad entrambe le parti, visto che IBM ha tutte le intenzioni di espandersi nel settore della telefonia mobile, e Apple ha bisogno di un riscatto dopo un periodo sfortunato con le imprese lavorative e governative.

Il CEO di Apple Tim Cook e il CEO di IBM Ginni Rometty
Il CEO di Apple Tim Cook e il CEO di IBM Ginni Rometty

Per la Mela l’espansione nel mercato aziendale, potrebbe generare margini di profitto molto più elevati di quelli attuali, che si andrebbero ad aggiungere agli ottimi guadagni del quarto trimestre del 2014, con 39,27 milioni di iPhone e 14,08 milioni di iPad venduti. IBM invece potrebbe ampliare i propri orizzonti, offrendo iPhone e iPad personalizzati alle varie imprese con sistemi operativi adatti ad ogni settore. Inoltre Kay afferma che i nuovi device di Apple non registreranno i dati ranch in modo da evitare una dispersione di informazioni private, il che rassicura molto i manager e i loro dipendenti.

In vista di questa collaborazione molte imprese hanno mostrato un crescente entusiasmo per iPhone e iPad, favorito anche dalle attuali società che usano dispositivi Apple nelle loro strutture. Ad esempio, la società cinese Baidu che possiede circa 20.000 dipendenti con iPhone e dispone di una serie di applicazioni iOS appositamente sviluppate, e l’azienda Schindler che ha distribuito 20.000 iPhone e 20 app. Infine gli iPad stanno diventando un ottimo sostituto ai libri cartacei, e stanno pian piano entrando a far parte del sistema scolastico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS