L’Irlanda annullerà le agevolazioni fiscali sfruttate da Apple e altre aziende

104
0
CONDIVIDI

 

Vi avevamo parlato, in un nostro precedente articolo, del noto provvedimento preso dall’Unione Europea nei confronti di Apple e di altre aziende, riguardo le agevolazioni fiscali concesse dall’Irlanda, le quali, stando alle ultime dichiarazioni, sembrerebbero in procinto di essere eliminate, per risolvere una volta per tutte la scomoda situazione che si è venuta a creare. Nelle ultime ore il New York Times ha riferito che sarà lo stesso governo irlandese ha porre fine alle agevolazioni, usufruite da Google, Apple, Facebook, Microsoft e Twitter per ridurre il costo delle tasse da versare.

Michael Noonan, Ministro dell’economia irlandese, ha dichiarato che abolirà la possibilità per le compagnie di ricorrere al noto “double Irish”, modificando le leggi sulla residenza e richiedendo a tutte le compagnie, registrate in Irlanda, di risultare come residenti sotto il punto di vista fiscale. Le strategie fiscali applicate dalle compagnie multinazionali sono state criticate da molti governi e hanno danneggiato la reputazione di molti paesi. Google, ad esempio, possiede un ufficio con 2.500 dipendenti, ma la maggior parte delle entrate vengono pagate come royalties ad una società separata, con sede fiscale nel triangolo delle Bermuda.

La decisione presa da Noonan potrebbe rappresentare la svolta decisa per bloccare l’evasione fiscale di queste Big del settore tecnologico, anche se questa via non sarà intrapresa fino al 2020. In questo periodo non solo le società potranno continuare ad sfruttare il “double Irish”, ma potranno scegliere una nuova strategia per minimizzare i danni sulle proprie finanze.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS