L’App E-Statement porta la constatazione amichevole sul proprio smartphone

1048
0
CONDIVIDI

Che cosa non può assolutamente mancare nel cruscotto dell’automobilista previdente? Il modulo CAI – per gli amici modulo blu, anche conosciuto col suo vecchio nome CID – per la constatazione amichevole in caso di incidente stradale. Un avvenimento certo da non augurare a nessuno, che spesso costringe a dover vendere la propria auto incidentata per poi ritrovarsi a piedi. Una nuova app promette perlomeno di liberarci dalle scartoffie necessarie alla constatazione, digitalizzando il processo e trasferendolo su smartphone o tablet. E-Statement – letteralmente “e-constatazione” – è l’applicazione sviluppata dal consorzio Euresa, il quale racchiude 14 tra le maggiori compagnie assicurative europee, e verrà lanciata a partire dal 2015 inizialmente in francese, italiano, spagnolo e olandese, con l’obiettivo di conquistare le decine di milioni di automobilisti presenti sul Vecchio Continente. La versione test sperimentata lo scorso anno ha già ottenuto numerosi riscontri positivi.

Come funziona E-Statement

In Italia la app E-Statement sarà da subito disponibile per tutti i principali sistemi operativi mobili, dunque iOS, Android, BlackBerry e Windows Phone. Il funzionamento è molto semplice, l’unico passo preliminare consigliabile è quello di caricare e salvare preventivamente i propri dati – le proprie generalità, quelle relative alla polizza assicurativa e le informazioni sull’auto – in maniera tale da averle immediatamente disponibili nel momento del bisogno. Se dovesse essere coinvolto in un incidente, l’utente potrà compilare molto rapidamente la constatazione digitale – i dati dell’altra persona coinvolta saranno reperibili con varie modalità, tra cui il database online della compagnia assicurativa – e allegare con facilità al documento le foto scattate col proprio telefonino. Anche il classico disegno che descrive la dinamica del sinistro può essere creato direttamente sulla app e geolocalizzato.

Quel che si ottiene alla fine è un documento in pdf in tutto e per tutto identico al modulo blu cartaceo, col vantaggio di poterlo inviare con un click alle rispettive assicurazioni e riceverne una copia sulla propria casella e-mail personale. Il tempo stimato da Euresa per la compilazione dei dati è di circa sei minuti, che potrebbero essere ancora meno nel caso la seconda persona che ha subito l’incidente avesse scaricato la app sul proprio smartphone, in modo da rendere ancora più rapida la trasmissione dei dati personali. Un bel risultato, se si pensa che un sondaggio di qualche tempo fa ha rivelato che il 50% degli italiani non è sicuro di sapere come riempire nel modo giusto il modulo CAI.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS