Zweite Bundesliga: il punto dopo le prime otto giornate

84
0
CONDIVIDI

 

 

Quasi un quarto della stagione è ormai passato, ma in Zweite Bundesliga, la serie B tedesca, l’equilibrio continua a regnare sovrano, e nonostante i primi timidi tentativi di fuga delle scorse settimane la classifica rimane estremamente compatta, sia nelle prime che nelle ultime posizioni; i valori della vigilia sono solo in parte stati confermati, tanti pronostici sono stati ribaltati e alcune delle squadre che dovevano essere superiori alle altre si trovano a lottare nella parte bassa della classifica. Il weekend in arrivo proporrà due sfide di vertice, e non è detto che ci possano essere i primi decisi allunghi in vetta.

A comandare è a sorpresa l’Ingolstadt, squadra bavarese ancora imbattuta avendo collezionato quattro vittorie e altrettanti pareggi; la città sede dell’Audi sta vivendo uno dei momenti più alti della propria storia, e spera di continuare un sogno che un paio di mesi fa, all’avvio della stagione, nessuno avrebbe mai immaginato di vivere. Alle spalle della capolista due matricole terribili, arrivate quest’anno in Zweite a braccetto, ma con programmi e ambizioni totalmente diversi: il Darmstadt, dopo l’epico spareggio di Bielefeld, sta volando anche quest’anno, e a dispetto delle attese continua a restare a contatto con la vetta; a quota 15 anche il Lipsia, squadra costruita con i milioni della Red Bull per puntare alla massima serie: dopo una partenza difficile, la squadra dell’ex Germania Est ha cominciato a ingranare, e il pareggio a Düsseldorf dell’ultimo turno conferma che per il titolo ci sarà fino alla fine.

Ad un gradino dal podio l’altra neopromossa, l’Heidenheim vincitore della 3.Liga la scorsa stagione: la squadra del Baden ha il miglior attacco del campionato con ben 18 reti segnate, e le ultime due vittorie l’hanno portato nelle zone nobili della classifica; alla pari con gli uomini di Schmidt resta il Kaiserslautern, una delle maggiori accreditate per le prime posizioni; i diavoli rossi non sono ancora riusciti a dare continuità alle prestazioni, ma restano squadra sempre da prendere con le molle. A metà classifica stazionano invece il Bochum, che ha in Terodde il capocannoniere del torneo, la nobile decaduta Düsseldorf, in netta ripresa dopo una partenza difficile, Karlsruher e Furth, che dopo la cocente delusione dello spareggio perso con l’Amburgo a giugno fatica a mantenersi nelle posizioni di vertice.

Faticano invece le squadre retrocesse dalla scorsa stagione, il Braunschweig ma soprattutto il Norimberga, partito per affrontare il campionato da protagonista e impaltanato nelle zone più profonde della classifica; sufficienti i campionati di Sandhausen, che con sei reti segnate ha uno dei peggiori attacchi della graduatoria, e Monaco 1860, mentre il St Pauli naviga a vista sopra la zona calda nonostante i quattro punti raccolti negli ultimi 180′.

In coda la situazione è convulsa, ma nessuna squadra sembra già condannata, soprattutto dopo che l’Aue, zero punti nelle prime cinque giornate, ne ha raccolti ben 7 nelle ultime tre, mettendosi per la prima volta squadre alle spalle. I sassoni, alla pari con l’Union Berlino, sono davanti però solo all’Aalen, fermo a 6, e all’FSV, la seconda squadra di Francoforte, che ha fermato nello scorso weekend una serie di tre ko consecutivi, ma ad oggi chiude mestamente la graduatoria, avendo peraltro, con 18 reti subite, la peggior difesa.

Il fine settimana propone due partite bellissime nella parte alta: si sfidano infatti Darmstadt-Düsseldorf, in un inedito in questa categoria, e Lipsia-Heidenheim, in una riproposizione della sfida della scorsa stagione della terza serie, che quest’anno, un po’ a sorpresa, vale molto di più.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS