Magia di Piazon, l’Amburgo è sempre più ultimo

120
0
CONDIVIDI

 

 

Amburgo – Francoforte 1-2

 

Amburgo: Drobny – Westermann, Djourou, CLeber, Ostrzolek – Behrami, Arslan – Müller, Holty, Stieber – Lasogga. All. Zinnbauer

Francoforte: Wiedwald – Chandler, Anderson, Russ, Oczipka – Medokevic – Ignjovski, Hasebe, Meier, Aigner – Seferovic. All. Schaaf

 

Arbitro: Florian Meyer
Marcatori: 44′ Seferovic, 58′ Mueller, 90′ Piazon

 

Non c’è pace per l’Amburgo, che nonostante una gara giocata con coraggio e orgoglio si è inchinato ancora una volta in casa al cospetto dell’Eintracht Francoforte. I Dinos sono riusciti a trovare il primo gol in campionato (superando il record di astinenza da gol che apparteneva al Bochum nella stagione ’79/’80) grazie a Nicolai Mueller ma poi si sono arresi alla magia finale del brasiliano Lucas Piazon, che al 90′ ha fissato il risultato sul 2-1 lasciando l’Amburgo all’ultimo posto in classifica e ancora con zero vittorie. Serve assolutamente una svolta anche nei risultati, perché anche dopo l’esonero di Slomka è cambiato solo l’atteggiamento ma i tre punti restano sempre un miraggio. Il Francoforte del fischiatissimo Schaaf (ex Werder Brema) ha condotto una gara attenta e ordinata, limitandosi a tamponare le ripartenze dei padroni di casa e colpendo al momento giusto con la qualità dei suoi uomini migliori come Seferovic e Piazon, anche se l’ex Chelsea è partito inizialmente dalla panchina.

I gol – I primi a passare in vantaggio sono gli ospiti con Seferovic che al 44′ mette dentro un cross sul secondo palo di Chandler. Il pareggio di Mueller arriva invece nella ripresa quando l’ex Mainz sfrutta al meglio una grande giocata di Holtby. Sembra la volta buona per l’Amburgo e invece all’ultimo minuto arriva la punizione perfetta di Piazon tra trenta metri a rimandare i Dinos all’inferno. Anche in questa stagione la strada per la salvezza sarà lunga e tortuosa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS