Play Store: due ore di tempo per chiedere il rimborso di un’app

580
0
CONDIVIDI

Sembra che Google abbia intenzione di apportare dei cambiamenti al sistema di rimborso per le applicazioni presenti nel proprio store virtuale per dispositivi Android. La finestra di tempo disponibile per ottenere il rimborso del denaro per gli utenti non soddisfatti di una determinata applicazione sarà infatti estesa da soli 15 minuti a ben 2 ore, cosa che certamente farà piacere a tutti gli utenti che utilizzano il Play Store. 

Questa informazione, pur non essendo stata ancora ufficializzata dal gigante di Mountain View, sembra piuttosto attendibile dato che è emersa dalla pagina di supporto Play Store, come potete vedere nell’immagine qui sotto. La notizia sembra quindi quantomeno “ufficiosa”.

google-play-refund-policy-2-hours_full

Con questa modifica gli utenti avranno modo di utilizzare le applicazioni per un po’ di tempo prima di chiedere indietro i soldi nel caso un’app non fosse di loro gradimento e potranno dunque pensare bene a questa decisione, senza temere che il tempo scorra troppo in fretta ed abbia la meglio sulla loro volontà.

D’altra parte però bisognerà vedere come la prenderanno gli sviluppatori, che potrebbero storcere il naso al pensiero che qualche “furbetto” possa utilizzare le loro apps gratuitamente per due ore e richiedere subito dopo il rimborso, facendo dunque perdere loro denaro ma utilizzando ugualmente il servizio.

Nonostante questo però bisogna tenere conto che due ore sono poche per poter sfruttare appieno un qualsiasi servizio e dunque sembra essere un lasso di tempo corretto sia nei confronti degli sviluppatori sia nei confronti degli utenti, che prima di dirsi insoddisfatti potranno osservare bene l’applicazione appena acquistata.

Ricordiamo infatti che tempo fa la finestra di tempo per ottenere la restituzione dei soldi era di ben 24 ore, certamente esagerate e che dunque consentivano ai “furbetti” di farsi tutti i propri comodi; proprio per tale ragione Google decise a suo tempo di ridurre la finestra a 15 minuti. Ora sembra che si sia trovato il giusto compromesso per poter accontentare tutti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS