Kim Dotcom: accesso al materiale sequestrato di Megaupload

709
0
CONDIVIDI

Kim Dotcom potrà accedere a tutto il materiale sequestrato successivamente al suo arresto, la conferma arriva dalla corte d’appello della Nuova Zelanda, che stabilisce con quali modalità il fondatore di Megaupload potra visionare il materiale. A differenza di questo permesso, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta cercando di ottenere l’estradizione di Dotcom per poterlo processare per aver violato il copyright. La libertà ottenuta grazie alla corte d’appello va contro questa richiesta americana, ma soprattutto metterà in condizione Kim DotCom di difendersi meglio avendo a disposizione tutto il materiale sequestrato.

Grazie alla sentenza neozeladese Kim Dotcom riceverà una copia di tutti dispositivi sequestrati e i dati memorizzati su vari server e memorie di dati. Per avere a dispozione tutto questo dovrà perà rispettare una condizione: fornire le password alla polizia neozelandese. Come spiegato il suo legale Ira Rothken le password saranno consegnate a due ufficiali di polizia della Nuova Zelanda, che dovranno rispettare, sotto giuramento, la totale riservatezza dei dati, eliminando così la possibilità di accesso anche agli Stati Uniti. La corte d’appello spiega infatti nel suo comunicato che nessuna informazione verrà divulgata e in particolare alle autorità statunitensi. Al di la di questo per Kim Dotcom è una vittoria in una battaglia iniziata con la chiusura di Megaupload.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS