Dash controlla i tuoi consumi in auto

1945
0
CONDIVIDI

Dash è una nuova app disponibile per Android e per iOS che permette di controllare i propri consumi in automobile: grazie alla connessione Bluetooth e ad un dispositivo OBD II la app registra il percorso fatto e dà un punteggio alla guida, che è maggiore quanto maggiore è la qualità del viaggio, misurata tramite un algoritmo che tiene conto dei consumi ma anche del meteo, dell’ora e dell’uso che facciamo del telefono.

Il device OBD II

OBD è uno standard universale presente su tutte le auto prodotte in America dal 1996 e in Europa dal 2001 circa: tramite un connettore il dispositivo si interfaccia con a centralina dell’auto e ricava tutti i valori che essa riceve dai sensori del motore. Più è vecchia un’automobile, meno saranno i sensori, ma normalmente i sensori del carburante sono sempre presenti, per cui è sempre possibile monitorare i consumi.

Per la prova sul campo noi abbiamo utilizzato un dispositivo Bluetooth comprato su Amazon a 4,5 euro senza spedizione: con il Bluetooth dello smartphone, un Nexus 5, ci sono voluti due minuti scarsi per vedere il device OBD II e fare il pairing.

Il device non necessita di alimentazione, in quanto già fornita dall’automobile tramite la presa, ed è abbastanza veloce nella trasmissione dei dati da permettere un’analisi secondo per secondo. Uni raccomandazione è quella di disconnettere il device alla fine della prova perchè – ovviamente – consuma la batteria dell’automobile anche se è spenta.

Problema importante è trovare la presa OBD II sulla proprio auto: in molte auto moderne potete trovare l’indicazione OBD scritta sullo sportellino, ma non è sempre così facile. Nell’auto in prova, una BMW Serie 1 modello E87 lo sportellino della presa si trova sotto al volante a sinistra.

La app

Dash è una app dalla semplicità disarmante: dopo aver impostato la propria automobile nelle impostazioni tramite il database integrato, basta connettere il device OBD II dalla schermata principale che la app pensa a tutto, mostrando in tempo reale i consumi, i consumi medi, i giri del motore, la temperatura dell’olio e altri parametri meno importanti ricavati dalla centralina.

Alla fine del viaggio, che viene registrata appena il motore si spegne, la app trasmette i dati al server e tempo pochi secondi vi fornisce i risultati.

dash 1

I risultati saranno condivisi  – sempre se volete – con i vostri contatti collegati tramite il login di Google+ ed è possibile gareggiare nelle classifiche per il miglior punteggio e per il minor consumo medio.

Nel caso ci siano problemi all’elettronica o al motore, la app vi avviserà con un suono e sarà presente una notifica sul display: entro qualche mese sarà attivo – almeno negli U.S.A. – un sistema di gestione delle emergenze.

I problemi con i consumi

La app è praticamente perfetta: inizialmente aveva qualche problema con i consumi sulle macchine diesel, dove dava 250 l/100 km di media, ma ora funziona bene: inizialmente dà ancora qualche consumo un po’ eccessivo, ma tempo qualche chilometro si imposta da sola su consumi più realistici.

Trovate Dash su App Store e su Google Play gratuitamente, mentre trovate il dispositivo OBD II su Amazon a 4,5 euro non compresa la spedizione a questo indirizzo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS