Amarcord Ailton: domani la partita d’addio dell’ex Werder

207
0
CONDIVIDI

 

A cavallo degli impegni delle nazionali, come nel resto d’Europa, anche la Bundesliga si ferma, ma al Weser Stadion le emozioni non mancheranno in ogni caso: a Brema domani pomeriggio andrà infatti in scena la partita d’addio di Ailton, storico centravanti brasiliano che nel 2004 portò la squadra alla memorabile doppietta Bundes-DFB. La partita, organizzata dalla società per le ore 16, vedrà la partecipazione di almeno 40mila spettatori, tutti pronti ad accorrere per osannare per l’ultima volta uno dei migliori giocatori della storia del Werder.

Ailton Goncalves da Silva, nato in Brasile 41 anni fa, arrivò in Germania non più giovanissimo, a 26 anni, acquistato dalla squadra anseatica dai messicani del Tigres per una cifra inferiore ai tre milioni di euro. In sei stagioni con la maglia del Brema, sotto la guida di un’altra leggenda da quelle parti, Thomas Schaaf, collezionò 214 presenze, segnando la bellezza di 106 reti. L’apice della sua carriera lo raggiunse proprio nell’ultima stagione disputata nel nord della Germania, quando portò la squadra alla vittoria di campionato e coppa di Germania, venendo anche nominato giocatore dell’anno, primo non tedesco della storia.

Dopo l’addio e il passaggio allo Schalke, la carriera di Ailton cominciò una lenta ma inesorabile discesa, che lo portò a girovagare per la Germania e per il mondo; giocò in Serbia, Ucraina, Svizzera, Turchia, Austria e addirittura Cina, prima di tornare nel paese che gli ha dato i maggiori successi, anche se nelle serie minori. In primavera il ritiro ufficiale, dopo oltre venti stagioni di alti e bassi.

Di lui si ricorderanno sempre i gol, ma anche le tante curiosità legate al suo carattere, come quando chiese a varie federazioni la cittadinanza per poter esordire in nazionale, visto che lui, brasiliano doc, non era mai stato selezionato dalla Selecao: non se ne fece niente. Oppure le sue interviste senza senso in tedesco, ma soprattutto il suo fisico tutt’altro che da calciatore, che non gli ha però impedito di essere tra i quattro stranieri a segnare più di cento reti in Bundesliga.

Domani saranno in tanti gli ex compagni del brasiliano che scenderanno in campo: Wiese, Micoud, Diego ed Elber sono solo alcuni dei tanti che hanno risposto presente all’appello dell’ex centravanti. Comunque vada, ci sarà da divertirsi!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS