Fitness Metabolico, come iniziare il percorso!

1823
0
CONDIVIDI
Fitness Metabolico

Attività motoria studiata appositamente per soggetti sedentari affetti dalla sindrome metabolica. Semplice, graduale, progressiva e sicura” Stiamo imparando a conoscere il Fitness Metabolico e questa può esserne una chiara e semplice definizione. Ecco allora che nasce la necessità di agire direttamente sulla prevenzione primaria puntando al miglioramento dello stile di vita con attività fisica e nutrizione corrette.

Il primo approccio con la persona che inizia un percorso di Fitness Metabolico è fondamentale: per questo attraverso un’attenta anamnesi metabolica si inizia la prima, fondamentale, raccolta dati. Partendo dalle variabili immodificabili (età e sesso), passando attraverso le variabili sanitarie oggettive (diagnosi mediche su patologie o fattori di rischio riconducibili alla sindrome metabolica), fino ad arrivare alle abitudini soggettive (fumo, caffè, farmaci, attività fisica svolta). Così si costruisce una chiara e dettagliata anamnesi metabolica chi ci consente di impostare il lavoro da svolgere.

exerceo-fitness-metabolico-salute-benessere-allenamento-wellness

Il passo successivo è l’anamnesi motoria: attraverso delle semplici valutazioni conosciamo il nostro cliente da un punto di vista corporeo e motorio. Valutazioni corporee e antropometriche: di attivazione cardiovascolare, di forza relativa, di mobilità, coordinazione ed equilibrio.

exerceo-personal-trainer-allenatore-pesi-sollevamento-fitness-allenamento-palestra

A questo punto il quadro appare già più completo e stiamo, pian piano, arrivando alla costruzione e alla messa in pratica della prima scheda d’allenamento di Fitness Metabolico. Ora che abbiamo tutte le informazioni utili per iniziare vediamo quali punti dovrebbe comprendere la prima lezione di Fitness Metabolico:

  1. L’ascolto. La comprensione della motivazione, la scelta delle priorità;
  2. Attraverso l’anamnesi il Personal deve sapere se si trova in presenza di sedentarismo o di altre patologie associate. Diventa così importante il contatto con l’istituzione medica;
  3. 5’ di domande aperte: cosa posso fare per lei, ascolto delle motivazioni, ecc…;
  4. 10’ di presentazione del concetto di equilibrio funzionale, forza, resistenza, mobilità e coordinazione;
  5. 10’ dedicati alla scelta di tre o quattro fix (da misurare) di valutazione possibilmente ripartiti per le diverse qualità motorie (es. Peso, forza arti inferiori, Body Fat Index);
  6. 10’ di spiegazione ed esecuzione di tre/quattro esercizi di mobilità;
  7. 15’ di spiegazione delle modalità di utilizzo di una macchina aerobica e utilizzo dei livelli basali con lo scopo di generare confidenza e familiarità con la macchina. Tapis roulant o Bike possono essere i più adatti;
  8. 10’ di esercizi base di ginnastica respiratoria e posturale;

La prima seduta termina con l’assegnazione di un compito motorio da svolgere fuori dalla palestra rispettoso dei criteri del Fitness Metabolico e del concetto di unità motoria (almeno 20 minuti). Durante la prima lezione sarà anche importante il raggiungimento di alcuni “Obiettivi relazionali” quali la familiarizzazione con il soggetto, la comprensione del fatto che si inizia un percorso e che gli obiettivi e i risultati emergeranno gradualmente e saranno condivisi. Adesso siamo partiti! Questo nuovo percorso vi farà scoprire gradualmente l’importanza di come l’attività fisica mirata possa realmente farvi trovare o ritrovare il vostro benessere quotidiano fisico e mentale. A presto…

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS