Accordatura Aurea: benefici dalla musica

1121
0
CONDIVIDI

L’accordatura aurea o scientifica è una speciale intonazione storicamente impiegata in alcuni teatri e corti europee, utilizza il LA centrale intonato a 432 hertz. Secondo alcuni, la musica suonata in tale accordatura porterebbe benefici misurabili alla salute degli ascoltatori.

Le origini risalgono nella seconda metà dell’800, quando il governo francese, sotto l’influenza di una commissione di compositori uniformò per legge il La a 435 hertz. In seguito nel 1884, il governo italiano emise un decreto per la normalizzazione del diapason a 432 vibrazioni per secondo, normalizzazione richiesta da Giuseppe Verdi e altri musicisti italiani riuniti al congresso di Milano nel 1881.

Per tutti gli strumenti musicali, sui quali si esegue accordatura, si fa solitamente riferimento ai 440 Hertz, intonazione sonora che viene percepita dal cervello umano, ma, secondo alcuni studi, questa intonazione è in completa disarmonia con le leggi dell’universo, basate invece su una frequenza armonica di 432 Hertz. 

Uno dei maggiori divulgatori dell’intonazione a 432 hertz è stato Ananda M. Bosman. Bosman è un musicista, divulgatore e ricercatore che da oltre quindici anni si è fatto promotore del movimento da lui denominato AUMega Music Revolution. Lo scopo della AUMega Music Revolution è creare una comunità di musicisti che fanno musica, soprattutto elettronica, con corista a 432 herz e particolari procedimenti di composizione.

Nell’ultimo decennio sono stati molti gli artisti  musicali che hanno fatto sperimentazioni con questo tipo di intonazione tra cui: Pink Floyd, Mick Jagger, The Renegades, Massimo Varini. 

Di seguito un esempio audio:

fonte | Fuori Le Mura

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS