Zucchero di canna: proprietà benefiche e controindicazioni

885
0
CONDIVIDI

Spesso lo zucchero di canna viene considerato migliore rispetto a quello di barbabietola. In realtà, benché le sue proprietà siano molte, per quanto concerne la struttura chimica non differisce da quella dello zucchero di barbabietola. Stesso discorso vale per le calorie e l’impatto che esso ha sull’organismo. E’ opportuno, pertanto, fare attenzioni alle controindicazioni.

Caratteristiche
Lo zucchero di canna non è integrale come si pensa. Quello che troviamo in commercio, infatti, è raffinato. Ha, cioè, subito molti processi di lavorazione anche con sostanze chimiche, proprio come avviene con lo zucchero di barbabietola.  Addirittura , può succedere in alcuni casi che per avere il colore ambrato più forte si ricorra ad un colorante, l’E150. Per quanto riguarda, invece, le calorie lo zucchero di canna non ne ha poi così in meno: 100 gr di zucchero di canna contiene 377 kilocalorie, che sono 15 in meno a quanto ne contiene 100 gr di zucchero di barbabietola.

Proprietà
Le proprietà dello zucchero di canna, in particolare quello integrale, sono numerose: è ricco di vitamine e minerali. Anche se per assumerne una buona quantità di queste bisognerebbe ingerire tantissimo zucchero, cosa che è assolutamente sconsigliabile. Meglio, quindi, ricorrere a frutta e/o verdura, per assumere lo stesso apporto di nutrienti con minori quantità. Sia lo zucchero di canna grezzo che quello integrale sono privi di glutine e, come tali, possono essere assunti anche dai celiaci. lo zucchero di canna, peraltro, sembra essere meno rischioso della carie. Lo zucchero integrale, poi, è un buon alleato cosmetico: contiene, infatti, acido glicolico, che permette di combattere l’acne ed è un buon esfoliante in grado di agire contro le impurità e ad eliminare le cellule morte degli strati esterni della pelle.

Controindicazioni
Lo zucchero di canna ha, però degli aspetti negativi come tutte le sostanze zuccherine.
Il saccarosio, di cui è composto, una volta assunto viene scisso in fruttosio e in glucosio. Il glucosio viene assorbito dal corpo, così come avviene con lo zucchero di barbabietola. Chi soffre di diabete, quindi, deve stare assolutamente attento a non assumerne troppo. Lo zucchero di canna non deve preso se si soffre di candidosi perché la Candida albicans, che causa l’infezione, si nutre di saccarosio e prolifera in questo modo.

In generale, comunque, è opportuno ricorrere allo zucchero il meno possibile durante il giorno per evitare un aumento della glicemia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS