Il binge drinking mette a rischio il sistema immunitario anche per un episodio isolato

196
0
CONDIVIDI

Esagerare con l’alcol, si sa, non fa mai bene.

Secondo gli standard condivisi, gli uomini non possono consumare 2 bicchieri di vino al giorno, mentre le donne addirittura 1 solo. Se questi limiti vengono superati, infatti, si può incorrere in situazioni pericolose per la salute, soprattutto quando bere oltremodo è un’abitudine strutturata che si chiama binge drinking.

In verità, uno studio condotto da alcuni studiosi della Medical School dell’Università del Massachusetts ha dimostrato che basta esagerare perfino una volta sola per pagarne le conseguenze: anche un singolo episodio di binge drinking può determinare un aumento dei livelli ematici delle tossine coinvolte nell’aumento della temperatura corporea, nell’infiammazione e nei processi di distruzione dei tessuti.

La ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati su PloS one, è stata condotta su 11 uomini e 14 donne. A questi è stato fatto bere abbastanza alcol da raggiungere gli 0,08g/dl in una sola ora. Ai partecipanti è stato prelevato un campione di sangue ogni 30 minuti nelle 4 ore successive all’assunzione dell’alcol e, poi, dopo 24 ore e hanno svelato che il binge drinking determina un rapido aumento dei livelli di endotossina nel sangue.

Il fattore discriminante è il peso: per un adulto questo valore corrisponde in media al consumo di almeno 5 alcolici in 2 ore nel caso degli uomini, mentre nelle donne almeno 4 bevande alcoliche.

Le endotossine sono molecole presenti nella parete cellulare di alcuni batteri che vengono rilasciate quando questi ultimi vengono distrutti. Insieme alle endotossine, gli studiosi hanno rilevato nel sangue anche tracce di DNA batterico. A dimostrazione, secondo gli scienziati, che il consumo di grandi quantità di alcol permette ai batteri di penetrare nella parete intestinale fino ad arrivare nel sangue.

Altri studi precedenti a questo avevano dimostrato che il consumo cronico di alcol aumenta la permeabilità intestinale, permettendo alle molecole potenzialmente dannose di raggiungere altre parti dell’organismo. Di conseguenza, il rischio in cui si incorre è l’aumento dei problemi di salute che accompagnano il consumo cronico di alcol.

“Abbiamo dimostrato che un solo episodio di binge drinking può scatenare una risposta immunitaria, arrivando potenzialmente a influenzare lo stato di salute di un individuo altrimenti sano” ha sottolineato Gyongyi Szabo, responsabile dello studio.

Il rischio, peraltro, è maggiore nelle donne nelle quali, dopo un evento di binge drinking, i livelli di endotossine nel loro sangue sono ancora più alti di quelli rintracciati nel sangue degli uomini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS