Google Glass: secondo IHS in realtà costano $152,47

654
0
CONDIVIDI

Secondo una stima effettuata da Andrew Rassweiler, analista di IHS, la produzione dei Google Glass costerebbe alla casa di Mountain View solo 152,47 dollari contro i 1500 chiesti agli explorers per entrarne in possesso. Una valutazione di questo genere era già stata proposta qualche settimana fa dagli esperti di Teardown che però si erano fermati a 80 dollari, cifra che Google affermò essere “absolutely wrong”. Viste le premesse, non mi aspetto che Big G avalli neanche l’analisi del buon Andrew ma una domanda sorge spontanea a questo punto: Google sta cercando di fare la cresta sulle spalle di ignari geeks alla ricerca di un device innovativo?

google glass pezzi

 

Una differenza di prezzo tanto evidente infatti farebbe gridare allo scandalo se non considerassimo il quadro nel suo insieme generale perché come ricorda Rassweiler:

“When you buy Google Glass for $1500, you are getting far, far more than just $152,47 in parts and manufacturing”

Ciò che l’analista di IHS intende dire è che, insieme al dispositivo vero e proprio, comprerete anche tutto lo studio, la progettazione ed il know-how che ha portato alla realizzazione dei Google Glass e che consentirà la loro ottimizzazione nel tempo. Non dimentichiamo inoltre ciò che gravita attorno al device come il packaging e i vari accessori che non possono essere certo lasciati al caso. A tutto questo personalmente aggiungerei anche le operazioni di marketing che, come risaputo, sono tanto dispendiose quanto fondamentali per il successo di un dispositivo tecnologico (..Samsung docet..). Di fatto quello che i fortunati possessori di questo dispositivo hanno per il momento tra lo mani (..o sul naso..) è un prototipo con ancora ampi margini di miglioramento.

Queste considerazioni sono a maggior ragione avvalorate quando procediamo ad un’analisi più puntuale dei componenti hardware presenti nei Glass ed a titolo di esempio prendiamo il microprocessore che anima il dispositivo. Si parla infatti di un esemplare prodotto da Texas Instruments Inc., siglato OMAP4430, con tecnologia a 45nm che molto probabilmente verrà sostituito da nuovi modelli, magari a 20nm o 16nm, in grado di garantire maggiori prestazioni associate ad una migliore efficienza energetica. Passando al lato software, è di poche settimane fa l’annuncio del passaggio al sistema operativo KitKat che ha certamente comportato un ingente impegno in termini di uomini e risorse per la sua realizzazione.

In conclusione credo che sia ancora prematuro dare una risposta al quesito iniziale in quanto molto dipenderà dalle condizioni alle quali la casa di Mountain View deciderà di lanciare al pubblico i suoi Google Glass. Per il momento il prezzo è giustificato dall’esclusività dell’offerta e del dispositivo che rappresenta ancora una chicca dedicata a veri appassionati della tecnologia più che un reale prodotto di mercato.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS