Più giovani grazie al gene di rane e lucertole

738
0
CONDIVIDI

Un team di ricercatori del Centre for genomic regulation (Crg) di Barcellona potranno entrare nella storia come gli scopritori del tanto aspirato segreto dell’eterna giovinezza.

Da quanto affermato sulla prestigiosa rivista scientifica StemCellReports, che ne ha diffuso i sorprendenti risultati, lo studio spagnolo sembrerebbe rivelare che le cellule umane possono automaticamente rigenerarsi e innescare un meccanismo, se stimolate da una particolare proteina prodotta dal gene Wnt che, oltre ad essere conservato nei mammiferi, si può ritrovare anche in rane e lucertole fornendole quella particolare capacità di formare un nuovo arto dopo la perdita della coda, se amputata.

Stando a quanto divulgato dalla ricerca catalana, quindi, esattamente come le cellule di questi rettili anche le nostre cellule, se sottoposte a stimoli adeguati per favorirne lo sviluppo embrionale, hanno il potere di secernere le staminali.

Le svolte nel mondo della medicina sarebbero epocali perchè potremmo ottenere cellule talmente potenti ed efficienti che, di conseguenza, saranno la chiave per nuove ulteriori cure nel campo delle malattie cutanee fino ad arrivare alle più gravi come sclerosi multipla, infarto, morbo di Parkinson e cancro, solo per citarne alcune.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS