Guardiola: “Solo il Bayern deciderà sul mio futuro”

106
0
CONDIVIDI

 

In conferenza stampa di presentazione della prossima gara contro l’Amburgo, il tecnico del Bayern Monaco Pep Guardiola, ha cercato di chiarire la sua posizione dopo le critiche al suo sistema di gioco arrivate da ogni parte a seguito della sconfitta in Champions League contro il Real Madrid. 

Guardiola crede nei suoi mezzi e sente su di se la fiducia della società, l’unico vero arbitro in grado di giudicare il suo operato e l’efficacia del suo sistema di gioco, apostrofato da tutti come ormai “superato”. Guardiola rimette il suo futuro in mano alla società:

“La società deciderà se io sono utile o no al Bayern. Non si può giocare con le idee dei giocatori, questo non è possibile. Io vivo per la fiducia dei miei giocatori e tutti i calciatori del Bayern mi hanno dimostrato stima e fiducia dal primo giorno di allenamento. Il segreto è proprio quello di convincerli che un determinato sistema di gioco è meglio per loro e che può valorizzare le loro caratteristiche. Ogni club deve giocare con le idee di un allenatore, se poi si vuole cambiare la società è libera di farlo”. 

L’ex Barça non si sente in bilico ed è sicuro che la squadra risponderà alle critiche sul campo:

Io sento la fiducia del club, che mi ha sempre dimostrato vicinanza con le parole di Rummenigge e Sammer. Quando alleni una squadra come il Bayern devi vincere sempre, quando non lo fai allora rischi. E’ normale che sconfitte come queste lascino dubbi sul proprio operato ma proprio dopo queste sconfitte si riparte più forti di prima capendo gli errori e cercando di migliorarsi. Io posso dirvi che dopo la sconfitta contro il Real, sono ancora più convinto di prima del mio sistema di gioco. Adesso dobbiamo tornare a giocare come sappiamo anche se la risposta migliore che possiamo dare è la vittoria. Se vinciamo la finale di coppa sono sicuro che i giudizi su di me cambieranno. Il calcio è fatto così”. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS