Mac Pro: test estremo con 36 dischi fissi collegati

2346
0
CONDIVIDI

E’ stato eseguito un test estremo sull’ultimo arrivato di casa Apple, il Mac Pro, al quale il team di Macworld ha collegato non 1, non 10, ma bensì 36 hard disk esterni. Un esperimento di questo genere non era mai stato effettuato prima d’ora, ma solo perché non esistevano computer dotati di una tecnologia così avanzata, da essere in grado di poter interagire con un così alto numero di unità di memoria esterne. Infatti il Mac Pro presenta 6 porte Thunderbolt 2, 4 porte USB 3.0, due porte gigabit Ethernet e molti altri ingressi.

I componenti di ultima generazione del Mac Pro hanno permesso il collegamento di 19 dispositivi Thunderbolt, 15 unità USB e 2 unità FireWire 800, totalizzando una memoria di 100,63 Terabyte. Tra le tante unità di memoria utilizzate, il test ha rilevato che l’OWC Mercury Helios è il più rapido tra tutte, raggiungendo una capacità di scrittura pari a 271 MB al secondo. Per il monitoraggio e la registrazione dei dati si è usufruito di uno script in grado di leggere tutti i valori dei vari dispositivi in contemporanea.

Questa prova è stata organizzata per vedere come la velocità di scrittura vari in funzione del numero di unità di memoria connesse e alla posizione in cui queste sono collegate al computer. Come primo risultato si è visto che la velocità non cambia di molto in base al numero di dispositivi allacciati al PC. Mentre si è registrato che la velocità varia di molto quando si connette un unità alla prima porta Thunderbolt rispetto a quando questa è attaccata all’ultima porta. In particolar modo, nell’ingresso più vicino la velocità è massima, mentre in quella più lontana è minima.

E questo si è potuto notare molto bene quando è stata spostata l’unità più veloce dalla prima all’ultima porta all’interno di una catena Thunderbolt, e si è registrato che la velocità di scrittura risulta alterarsi di molto, mentre quella di lettura è rimasta pressoché identica.

test-estremo-mac-pro-620

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS