La scuola del futuro: 8 supporti scolastici obsoleti

1774
0
CONDIVIDI

Oggi che la tecnologia fa passi da gigante non è più un utopia avete supporti hi-tech nelle classi di tutte le scuole. Parliamo di iPad usati come libri e quaderni per risparmiare carta e peso nella cartella, Wikipedia anziché quelle polverose enciclopedie (col vantaggio della collaborazione nei documenti), lavagne digitali senza più il noioso gesso, libretti e registri di classe digitali, applicazioni educative ecc.. Insomma la tecnologia può rendere l’apprendimento un’esperienza molto più ricca ed entusiasmante, anche se poi sarà più difficile staccarsene e riscoprire il gusto dei metodi più “genuini”. Ma il passato è passato e non ci sentiamo troppo in colpa ad aver cambiato il buon vecchio bigliettino con un messaggio o file digitale spedito dal cellulare, è il progresso. Detto questo ecco otto esempi di classiche attrezzature scolastiche che verranno presto modernizzate e sostituite.

1 . Calcolatrici grafiche aggiornate

ti-84-ti-nspire

Le buon vecchie calcolatrici scientifico-grafiche sono strumenti comuni in molte scuole utili quando dovevamo risolvere difficile quesiti algebrici. Allora costavano tanto ma bastavano così com’erano. Ebbene oggi il futuro si chiama TI- Nspire ed è la versione più evoluta della normale calcolatrice grafica completa di una batteria ricaricabile nonché la possibilità di salvare il nostro lavoro. Fantastico no?

2 . Dalle cassette per l’ascolto didattico a Duolingo

cassette-duolingo

Chi di voi non ha fatto lezione di inglese o francese in classe ascoltando un tizio parlale da una cassetta o da un CD. Questo succedeva molti anni fa ma adesso questa pratica didattica si è sveltita molto grazie a internet e Duolingo. Con questo servizo web di lingue gli studenti impareranno più velocemente le lingue rispetto ai tradizionali sistemi. Per gli insegnanti l’applicazione offre un modo per aiutare l’apprendimento in classe e gestire in remoto i compiti a casa. Uno studio dalla New York City University ha dimostrato che 34 ore di Duolingo sono equivalenti a un semestre universitario. Sono già parecchie decine di migliaia gli utenti che si affidano a questo sistema per apprendere una lingua.

3 . Oregon Trail sostituito con SimCityEDU

oregon-trail-simcityedu

Oregon Trail è un videogioco educativo sviluppato nel 1971 e ambientato sulla pista dell’Oregon, in cui si gestisce un gruppetto di emigranti che nel 1848 affronta la pista con un carro deve cercare di giungere sano e salvo a destinazione, ormai ha fatto il suo tempo. A farlo sfigurate è stata la sua versione avanzata SimCityEDU , dove gli scolari impareranno come si gestisce una città con tutte le implicazioni del caso (cittadini, ambiente, risorse ecc…). La grafica è moderna ed è simile a quella con cui i giovani studenti sono abituati a giocare.

4. Neonato RealCare al posto del sacco di farina

flour-baby-(realbaby,-flickr,honeycut07)

Uno dei progetti scolastici più odiato da tutti è stato quello di doversi portare a casa un sacco di farina e prendersene cura come fosse un neonato. Magari noi lo abbiamo fatto con una piantina o con altro e ci è servito a maturare un senso di responsabilità. Ora l’era del sacco di farina è agli sgoccioli perchè con il simulatore di neonati RealCare dovremo prenderci cura di un “bambolotto” che ha l’aspetto e agisce come un vero neonato: la versione baby del Terminator. Al suo interno un computer traccia i progressi che fate e fa sì che il bambino pianga a tutte le ore del giorno e della notte. Rileverà inoltre quanto tempo è rimasto seduto e incustodito o quando la sua temperatura interna raggiunge livelli pericolosi.

5 . Lavagne sostituite da pannelli SMART

chalkboard,-Sharon-Drummond,-smart,-kevin-jarrett-

La lavagna nera, il gesso, la cimosa sono tutti simboli che ci hanno accompagnato nella nostra infanzia scolastica e oggi stanno per subire gli effetti del progresso tecnologico. Saranno infatti le Smart Board, lavagne touchscreen altamente tecnologiche create dalla società SMART Technologies, a sostituirli. Pensate che le Smart Board sono attualmente installati in 2,5 milioni aule in tutto il mondo, con poco più di un milione di schede installate solo negli Stati Uniti. Questi computer incoraggiano l’interazione sociale e rendono le lezioni più entusiasmanti.

6 . Floppy disk soppiantati da dischi rigidi esterni

hard-drives-and-floppies

10 anni fa gli “1,5” megabyte di un floppy disk ci avanzava per quello che dovevamo metterci (al massimo documenti word e qualche immagine). Adesso che le nostre esigenze in fatto di capienza sono aumentati, così come la mole dei progetti multimediali scolastici c’è bisogno di più spazi dove archiviare le nostre presentazioni o i filmati montati per la scuola. Chi meglio dei dischi rigidi può adempiere a questo compito? Scuole superiori e università sono, ovviamente, passate ad un sistema di storage su disco esterno.

7 . Taccuini e libri sostituiti con iPad

ipad-notebook-flickr-english106

Questo orami è un classico. Dall’arrivo dell’iPad, questa grossa tavoletta touchscreen è diventata l’icona dell’insegnamento grazie ai suoi molteplici usi come foglio da disegno, libro di testo, taccuino e per prendere appunti. Le applicazioni disponibili e il mercato degli e-book intorno ad iPad (e altri ovvio) si sono moltiplicati a dismisura e vantano un incredibile livello educativo

8 . Aule video sostituite da YouTube

television-flickr,-seanhackbarth-youtube

Niente più liti per prenotare la TV e far vedere un filmato in classe. Niente più problemi di prese Scart o telecomandi che non funzionano. L’aula multimediale del futuro è internet, in questo caso specificatamente è YouTube. Basta un computer con connessione, e magari un proiettore, per accedere alla più vasta videoteca possibile che in nessuna scuola, per quanto ben attrezzata, sarà mai possibile avere.

Se vi è piaciuto condividetelo con i vostri amici oppure se avete dubbi dite la vostra con un commento qui sotto. Vi risponderemo con piacere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS