Il sole del mattino aiuta a dimagrire

315
0
CONDIVIDI

Il nuovo alleato per dimagrire è il sole. Ad affermalo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Feinberg School of Medicine della Northwestern University, secondo il quale i primi raggi di sole del mattino aiutano a far perdere peso, indipendentemente dal livello di attività fisica, dalle calorie assunte, dalle abitudini del sonno, dall’età e dalla stagione dell’anno.

Secondo quanto emerge dall’articolo, pubblicato su PLoS One, i ricercatori sono arrivati a questa conclusione dopo aver coinvolto 54 persone, 28 donne e 26 uomini, di età media di 30 anni e hanno misurato i loro livelli di esposizione alla luce e i parametri di sonno attraverso un apparecchio indossato al polso. Allo stesso tempo, sono state monitorate le calorie assunte dai partecipanti con un diario alimentare. L’insieme dei dati raccolti ha fatto emergere che le persone che si espongono al sole del mattino hanno un indice di massa corporea di gran lunga inferiore rispetto a quelle che si espongono più tardi nel corso della giornata.

“La luce è il fattore più potente in termini di sincronizzazione dell’orologio biologico interno che regola i ritmi circadiani, che a sua volta regolano anche il bilancio energetico. Se una persona non riceve abbastanza luce all’ora appropriata del giorno l’orologio interno si può de-sincronizzare, fenomeno noto per la capacità di alterare il metabolismo e che può portare all’aumento di peso” spiega Giovanni Santostasi, coautore dello studio.

La luce, quindi, potrebbe diventare un fattore importante nei programmi di dieta alimentare. Così come le ora di sonno favoriscono il dimagrimento, anche la luce potrebbe diventare un forte alleato per una linea più snella.

Esporsi al sole quindi non è sempre dannoso. È il momento del giorno in cui ci si espone che rappresenta un pericolo. Di contro, è importante ricevere luce durante il giorno e trascorrere del tempo all’aria aperta. E se lo facciamo di mattina presto è ancora meglio, soprattutto per influenzare l’indice di massa corporea.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS