Google assolta a Palermo per pubblicità illecita

509
0
CONDIVIDI

Tempo fa, una società di noleggio a Palermo è stata accusata di pubblicità illecita perché ha oscurato attraverso Google Adwords il proprio rivale, sostituendosi ad essa grazie a tag e keywords. Durante il processo, Google era stata incriminata per essere stata “l’aiutante” di tale operazione illecita. Ora però, il colosso di Mountain View è stato assolto.

Il fatto accaduto, è stato recentemente commentato durante un’evento a riguardo della tutela dei consumatori a Palermo così:

“Qualora uno di questi messaggi sia illecito – queste, le parole dei giudici – la parte lesa non può che aggredire il responsabile della condotta e non certo il motore di ricerca. Tutto ciò in virtù del principio di neutralità dell’intermediario, per cui il fornitore di servizi di rete non ha l’obbligo di controllare preventivamente tutto ciò che circola sulla rete e sui propri ‘canali’. Ma ha solo un dovere di azionarsi nel rimuovere l’illecito qualora gli giunga la segnalazione da parte del titolare del diritto leso”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS