Passa la legge per la neutralità della rete all’Europarlamento

778
0
CONDIVIDI

Dopo molto tempo è finalmente passata al parlamento europeo l’emendamento per la neutralità della rete, fortemente voluto da socialisti, liberali, verdi e generalmente tutta la sinistra in modo da avere alla fine una norma che tuteli internet e le persone che sono su internet.

Assieme all’emendamento per la neutralità della rete ne è stato approvato un altro nello stesso momento: l’emendamento riguardo ai costi di roaming intra-europei, che verranno di fatto azzerati consentendo la creazione di un vero mercato comunitario per le telecomunicazioni.

Di seguito riportiamo alcuni lemmi dei vari emendamenti piuttosto importanti. Il primo è l’emendamento 235 che definisce “Net Neutrality”.

“Net neutrality” means the principle according to which all internet traffic is treated equally, without discrimination, restriction or interference, independently of its sender, recipient, type, content, device, service or application.

“Net Neutrality” è il principio secondo il quale tutto il traffico internet è trattato alla stessa maniera, senza discriminazione, restrizione o interferenza, indipendentemente da che invia, dove è stockato, dal device, servizio o applicazione.

Un altro molto importante è il emendamento 236, che definisce gli “Special Services”, e che in pratica definisce come “Special Service” Netflix, SkyGo, SkyOnline e buona parte dei servizi di streaming.

“Specialised service” means an electronic communications service optimised for specific content, applications or services, or a combination thereof, provided over logically distinct capacity, relying on strict admission control, offering functionality requiring enhanced quality from end to end, and that is not marketed or usable as a substitute for internet access service.

Neelie Kroes, il capo della commissione per l’agenda digitale europea, è chi ha proposto originariamente tutto il pacchetto di leggi per la neutralità della rete – che per inciso trovate a questo indirizzo – e così ha festeggiato su Twitter la votazione:

Chi non sarà contento di questo saranno gli operatori mobili, di tutto il continente, mentre noi utenti comuni saremo sempre più contenti, perchè questo significa una sana competizione sui prezzi in scala continentale: tutto di guadagnare per le nostre tasche.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS