“Mal di primavera”: i rimedi naturali

266
0
CONDIVIDI

Dopo il letargo invernale, con i vari attacchi virali, l’organismo fatica a riprendere in pieno la sua attività. Cosi la sensazione di stanchezza, sonnolenza, mal di testa, scarsa concentrazione, nervosismo si fanno sentire, proprio in concomitanza dell’arrivo della primavera, con gli sbalzi di temperatura e la maggiore luce cui è sottoposto il nostro corpo.Seguire un’alimentazione sana, con pasti leggeri, aiuta il cervello a nutrirsi in maniera ottimale.

Ridurre il consumo di farina bianca, preferendo alimenti integrali; mangiare tanta verdura, soprattutto a foglie verdi, che aiuta il fegato a disintossicarsi; frutta energizzante come banane, mirtilli, fragole; poca carne e quella giusta; evitare grassi, latticini, alcolici e zuccheri.  Leggero da digerire e ricco di acidi grassi è il pesce, da consumare almeno tre volte la settimana.

Il cioccolato fondente (minimo al 45%) è altamente energetico, contiene magnesio e può quindi aiutare chi soffre di depressione; contiene feniletilamina che dà una sensazione di benessere; c’è anche il fosforo che agisce sulla memoria. Ci sono dei rimedi naturali a cui fare affidamento, oltre a seguire una giusta alimentazione, bere tanta acqua e fare attività fisica, magari all’aria aperta.

Due o tre tisane al giorno a base di ortica, tarassaco, achillea, equiseto, bardana o gramigna, sono utili per depurare fegato e reni. Anche i preparati a base di foglie di betulla depurano dalle scorie e tossine. Per la spossatezza mentale possono essere utili anche i fiori di Bach:Oak, Olive, Hornbeam. Il ginseng, sotto forma di capsule o bevande, è uno stimolante capace di aumentare la concentrazione e facilita l’apprendimento. Pare abbia anche un’azione immunostimolante. Anche il guaranà possiede la stessa attività, avendo nei suoi semi, notevoli quantità di caffeina, teofillina, teobromina.

Il senso di stanchezza è dovuto anche al calo di vitamine e sali minerali, quindi si consiglia di assumere integratori multivitaminici e multiminerali. Quelli a base di magnesio, per combattere l’irritabilità; vitamina C, per rafforzare le difese immunitarie; vitamina A, per proteggere la pelle sensibile dagli agenti esterni; betacarotene, che ha un effetto antiossidante. Si può utilizzare anche il succo puro di aloe, ricco di vitamine, antibatterico, antimicotico e antivirale.

 

Le informazioni fornite sul sito CurioMed sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS