Bill Gates parla di tecnologia, religione, ambiente e filantropia

2245
0
CONDIVIDI

L’uomo (di nuovo) più ricco al mondo, Bill Gates è forse anche il più famoso. La sua fortuna l’ha fatta con Microsoft, che nel 2008 decise di lasciare per dedicarsi solo alla filantropia con la sua associazione Bill & Melinda Gates Foundation. Però, dopo l’uscita di Ballmer, circa un mese fa Gates è rientrato in società assumendo il titolo di Technology Advisor. Tale compito consiste al 30% di collaborare per la realizzazione di nuovi prodotti, andando a supportare il neo-CEO Satya Nadella.

Oggi parliamo però di una recente intervista che ha rilasciato al magazine Rolling Stone, dove sono stati affrontati gli argomenti più disparati. Stiamo parlando di tecnologia e assistenza sanitaria, ma anche di religione e ambiente, oltre che qualche piccola parentesi su Mark Zuckerberg e Steve Jobs.

Microsoft

Il sogno di Bill Gates, quando nel 1975 fondò Microsoft, consisteva nel voler portare su ogni scrivania un computer. A 40 anni di distanza questo sogno si è più che avverato con, oltre che un computer su ogni scrivania, anche uno in tasca.

“È abbastanza sorprendente passare da un mondo in cui i computer erano sconosciuti e molto complessi ad un mondo in cui sono diventati uno strumento della vita quotidiana. Questo era il sogno che volevo si avverasse ed in gran parte si è verificato ciò che mi aspettavo”

Facebook e WhatsApp

Come ben sappiamo, Facebook ha acquisito WhatsApp per 19 miliardi di dollari, però, anche Microsoft era interessata all’acquisto. Secondo Gates, la cifra sborsata da Facebook è stata eccessiva e anche per questo la società di Redmond ha deciso di non controbattere. Si ritiene comunque convinto che Mark Zuckerberg abbia fatto un buon acquisto, soprattutto per il numero degli utenti.

Cloud, Privacy e Datagate

Secondo Bill Gates, al giorno d’oggi il mercato software ha bisogno di una bella rinfrescata. Sui nostri computer sono arrivati programmi (come office) sviluppati negli anni ’90, però, per poter andare avanti, hanno bisogno di novità. Secondo Bill, la migliore novità che si possa inserire e la migliore via da seguire è quella del Cloud e del Mobile.

In questo campo, dice Bill, che la privacy degli utenti deve essere sempre rispettata e deve seguire delle linee ben precise “Ci sono sempre state molte informazioni sulle vostre attività. Ogni numero di telefono che componete, ogni volta che usate la carta di credito. È passato molto tempo da quando una persona non lasciava tracce”.

A fatto di ciò, Gates ha anche parlato dello scandalo Datagate e di Edward Snowden. Il giornalista gli ha domandato cosa ne pensasse di questa persona, se lo ritenesse un eroe o un traditore e lui ha risposto così:

Penso che abbia infranto la legge, così io di certo non l’avrei caratterizzato come un eroe. Se voleva sollevare i problemi e rimanere nel paese e impegnarsi nella disobbedienza civile o qualcosa del genere, o se fosse stato attento su ciò che aveva rilasciato, allora si adatterebbe più al modello di “OK, io sto davvero cercando di migliorare le cose”. Non troverete molta ammirazione da me.

Filantropia e Bill & Melinda Gates Foundation

A farla da padrone durante l’intervista è stata la filantropia, si è parlato molto infatti della sua fondazione e di quali obiettivi abbia. Bill & Melinda Gates Foundation si occupa della battaglia a malattie come la polio e alla povertà nel mondo. Buona parte del denaro viene infatti utilizzato per la salute delle persone più bisognosi. Secondo Gates, entro il 2035 non ci saranno più paesi poveri nel mondo, visto che ogni anno sempre meno stati hanno bisogno di un sostegno economico. Si ritiene anche convinto che nei prossimi 20 anni si scopriranno nuovi vaccini e che l’energia verrà prodotta a costi sempre minori.

Ambiente ed energie pulite

Bill Gates durante l’intervista si è anche soffermato sull’ambiente, parlando anche dei cambiamenti climatici. A parer suo tutto quello che stiamo facendo ora, come ridurre le emissioni di CO2, ci darà riscontri solo tra diversi anni e se vogliamo migliorare la situazione dobbiamo investire nella ricerca. Solo innovando il settore potremo sostenere il fabbisogno energetico che l’uomo avrà fra 100 anni. Secondo Gates la soluzione è il Nucleare, a patto che sia in piena sicurezza e che si trovi un buon metodo di smaltimento per le scorie. L’energie pulite di tipo eolico o solare non bastano infatti a coprire la spesa energetica mondiale.

Steve Jobs

L’intervista ha dato spazio anche al rapporto che ci fosse tra Bill Gates e Steve Jobs, i magnati della tecnologia. Pochi mesi prima della morte di Jobs, Gates lo aveva incontrato, visto che era da sempre rimasto un rapporto quasi amichevole.

Steve e io eravamo molto diversi, ma eravamo entrambi bravi a scegliere le persone. Eravamo entrambi iperenergetici e abbiamo lavorato molto duramente. Eravamo partner stretti durante lo sviluppo del software originale per Mac. […]. Ma siamo stati troppo ingenui. Steve ci aveva promesso che sarebbe stata una macchina da 499 dollari, invece abbiamo saputo che costava 1.999 dollari. In ogni caso, il progetto Mac è stata un’esperienza incredibile. Il team che ha lavorato sul Mac è stato completamente e totalmente “bruciato”. Entro due anni, nessuno di loro era ancora lì. Ma è stata una cosa mitica che abbiamo fatto insieme. Steve era un genio.

Dio

Sono d’accordo con gente come Richard Dawkins che l’uomo ha sentito il bisogno di creare miti. Prima di iniziare a comprendere malattie, il tempo e cose del genere, abbiamo cercato false spiegazioni per loro. Ora la scienza ha riempito alcuni vuoti – non tutti – per i quali era stata usata la religione. Ma il mistero e la bellezza del mondo è incredibile, e non c’è nessuna spiegazione scientifica di come avvenne. Dire che è stato generato da numeri casuali, questo non sembra. Penso che abbia senso credere in Dio, ma quale decisione nella vita viene fatta in modo diverso a causa di essa, non lo so.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS