Nokia: nuovo brevetto per le cornici dei display attive

572
0
CONDIVIDI

Le cornici sono parte integrante del design dei dispositivi informatici, quali smartphone, tablet e anche computer. Negli anni non hanno ricevuto molte attenzioni a livello tecnologico, ma secondo Nokia potrebbero cambiare il concetto dei device.

L’intenzioni di Nokia la si intravede da un brevetto registrato poco tempo fa, che fa riferimento ad un metodo per rendere le cornici non dei semplici elementi passivi, ma veri e propri strumenti di interazione, tra noi, il software e l’hardware del dispositivo.

Se entriamo nello specifico del brevetto nelle diciture inserite al suo interno troviamo:

“Una componente di forza dell’input touch può essere rilevata e confrontata con una soglia di forza predeterminata. Nei casi in cui la componente di forza dell’input touch supera le soglia predeterminata, l’interazione dell’utente con il contenuto in quella posizione è attivata. In questo modo, la forza esercitata dall’utente applicando l’input touch nell’area del bezel può essere considerata un’indicazione dell’intenzione dell’utente di interagire con il contenuto all’interno del bezel, e, di conseguenza, tali interazioni possono essere previste”.

Il sistema brevettato da Nokia non è il primo, però, a toccare questo particolare argomento. Qualche anno fa, qualcuno lo ricorderà, anche BlackBerry aveva inserito nel suo PlayBook delle gesture basate proprio sull’interazione fra le nostre mani, il bordo del device e lo schermo dello stesso. Parliamo di tecnologie in fase di sperimentazione, ancora poco ben sviluppate, che però vedono BlackBerry arrivare per primo su questa intuizione.

E’ importante sottolineare che il brevetto registrato non è sempre sinonimo di inserimento nei successivi dispositivi, quindi non ci sbilanciamo dicendo che potrebbero arrivare tablet con tale tecnologia, ma spesso vengono utilizzati come armi‘ per sottrarre soldi, legittimi ovviamente, ad altre società che vogliono utilizzare quello stesso tipo di tecnologia.

Più nello specifico, il brevetto è il numero WO2014029906 A1 ed stato reso pubblico alla fine di febbraio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS