Mangiamo il gelato e ci si ghiaccia il cervello, ma perché?

281
0
CONDIVIDI

È capitato più o meno a tutti di mangiare il gelato e di ritrovarsi bloccati per un istante, con il cervello che sembra come in fase di congelamento avanzata. Ma per quale motivo accade ciò? Perché alcune volte mentre mangiamo il gelato abbiamo la sensazione che ci si stia ghiacciando il cervello? Beh, la risposta è semplice: quella sensazione si chiama emicrania da gelato, o mal di testa da gelato.

Quando entriamo a contatto con cibi particolarmente freddi i nostri vasi sanguigni situati sul palato si restringono. Si verifica più o meno la stessa cosa quando le nostre guance si arrossano a contatto con un ambiente caldo dopo un bel po’ di tempo passato al freddo. Quindi il dolore non è concentrato nel cranio. La sensazione è sì quella ma il fulcro di tutto è nel palato appunto. Lo avvertiamo sulla testa perché è il nervo trigemino, uno dei principali nervi del volto, a proiettare il dolore a distanza rispetto alla zona in cui si origina.

Alcuni ricercatori dicono che si tratti di una rapida dilatazione seguita da una rapida costrizione dell’arteria cerebrale anteriore. Ciò porterebbe ad un aumento del flusso ematico al cervello tramite l’arteria cerebrale anteriore: una specie di meccanismo di difesa del cervello in parole povere.

fonte | Curiosone

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS