Google: ecco l’accordo di licenza per le sue app

719
0
CONDIVIDI

Emerge oggi un interessante documento che ci permette di dare uno sguardo al contratto che Google faceva firmare per autorizzare l’utilizzo delle proprie applicazioni. Il documento fa riferimento a Gingerbread, quindi risale al 2011. Scopriamo che esistono due differenti applicazioni Google: quelle che devono essere installate obbligatoriamente e quelle opzionali. Entrambe però hanno una cosa in comune: non possono essere modificate in alcun modo.

Troviamo direttive precise anche in merito alla posizione del widget di ricerca, che deve essere non oltre la pagina adiacente alla home di default. Anche l’accordo economico è interessante: tutti i ricavi derivati dalla vendita dei dispositivi saranno del produttore, mentre quelli relativi alle Google App saranno dell’azienda californiana.

Tutte le pagine del documento in questione sono consultabili qui.

licenza--620x209

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS