Se vuoi un PC un Mac è quello che vuoi, parola di Tim Cook

1028
4
CONDIVIDI

Tim Cook ha di recente rilasciato un’intervista al The New York Times da cui sono emerse diverse dichiarazioni importanti. Cook è stato portato a parlare, dopo dei mercati emergenti, di Apple e del business, cioè di quale sia la situazione attuale nell’azienda. Il risultato è che la previsione di Cook si sta avverando prima del previsto, ciò vuol dire che il mercato dei tablet sta superando quello dei PC, più in fretta di quanto si pensasse.

Mac

Cook ha poi parlato del futuro dei Mac. Molte aziende stanno, anche considerando l’avanzare dei tablet a discapito dei PC, lentamente abbandonando questi ultimi. Apple non è intenzionata a farlo, anzi, investe ancora ampie risorse e capitale umano nei Mac, con la convinzione che i delusi dai PC possano essere riassorbiti dal mercato dei Mac. Inoltre, Cook considera che ci sono ancora molte persone che utilizzano PC, quando si troverebbero molto meglio con un iPad.

Phablet

Il CEO di Apple è anche stato interrogato sui phablet, non nascondendo il proprio interesse per il mercato, ma ribadendo di non avere intenzione di lasciarsi alle spalle il principio per cui Apple affronta un mercato quando questo è pronto sotto il profilo tecnologico. Un rinvio, dunque, quello di Cook, non una negazione. A quando non si sa, ma sicuramente Apple non si accontenterebbe di creare un iPhone con lo schermo più grande, non ne varrebbe la pena.

Su Motorola

Infine, si è toccato anche l’argomento Google, in merito alla recente cessione di Motorola, della quale Cook non si è mostrato affatto sorpreso. “Google si è liberata di qualcosa che causava perdite e a cui non poteva dedicarsi”, evidenziando la difficoltà di Google stessa di fare hardware, software e servizi insieme, che poi è quello che per contro fa la fortuna di Apple.

 

In chiusura voglio dire la mia. Che i Mac possano riassorbire i delusi dai PC non è in dubbio. C’è un solo problema, il prezzo, che è ciò che rende il Mac elitarioAllo stesso tempo, però, il Mac vale ogni centesimo di quello che costa. Penserete voi, e quindi? Semplice, credo che sia molto più facile vedere i delusi dai PC entrare nel mondo del tablet e restarne più che soddisfatti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Clemente De Lucia

    Nulla contro i Mac ma di certo Windows è molto più pragmatico poi oggi dipende anche da quello che uno possiede come mobile, poiché siamo in un epoca dove vogliamo sincronizzare tutto da qualsiasi dispositivo, oggi la scelta viene basata anche su quello dal punto di vista di una scelta Pc

    • Giustissimo, il dispositivo mobile influenza molto la scelta del sistema operativo desktop.

      • glaciaus

        Concordo!

        e poi cosa vuol dire che un’utente che usa pc si troverebbe meglio con un ipad ??
        Tim cock sa cosa un pc ?

  • fumasix

    Non diamo risalto più a qs. Personaggio, visto che chi dice qs. é uno che si è trovato al posto giusto nel momento giusto e che ha il carisma di un calzino sudato dopo una partira di calcio. Forse sarebbe utile che incominciasse a preoccuparsi dei problemi di casa sua, visto che da quando Jobs non è più con noi, Apple sta sviluppando ancora idee di qs. ultimo. Certo gli va dato merito per l’introduzione dei nuovi attacchi per ricaricare l’iPhone e i MacBookPro Retina.
    Io ho prodotti Apple non certamente grazie a qs. personaggio. Si preoccupi di pagare le tasse e non di sfruttare un paese che fa parte dell’Europa.