Collutorio antibatterico: a rischio la salute del cuore

165
0
CONDIVIDI

Avere una buona igiene orale è fondamentale non solo per avere un bel sorriso ma anche per prevenire patologie oro-dentali. Gli esperti, oltre a consigliare di spazzolare bene i denti con abbondante dentifricio e con movimenti delicati, suggeriscono di usare un collutorio antibatterico.

È proprio questo collutorio antibatterico, prodotto utile a prevenire carie, gengiviti ed alito cattivo, ad essere oggetto di uno studio condotto dalla prof.essa Amrita Ahluwalia della Queen Mary, University of London. Da questa ricerca emerge che, uccidendo i batteri “cattivi” si va ad eliminare anche quelli “buoni”.

Uccidere i cosiddetti batteri buoni, aumenterebbe il rischio di attacchi di cuore e ictus. Questo può accadere perché il collutorio andrebbe a distruggere quei germi buoni che promuovono il rilassamento dei vasi sanguigni, causando così degli aumenti di pressione sanguigna.

Nonostante i risultati si siano dimostrati evidenti, gli esperti non suggeriscono assolutamente di smettere di utilizzare collutori antibatterici ma di consultare il proprio dentista prima dell’utilizzo, specie se si è soggetti all’ipertensione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS