Il governo inglese va contro Microsoft Office

939
0
CONDIVIDI

Il governo inglese sta ancora una volta pensando di lasciare Microsoft Office in favore di altre alternative Open Source. Press Association  riporta che dal 2010 circa 200 milioni di sterline sono state spese per il software. Il Ministro Francis Maude dice: “Il software che usiamo nel governo è ancora fornito da poche grandi imprese, un piccolo oligopolio che domina il mercato.”

Uno dei piani del progetto è quello di creare degli standard tecnici per uniformare i formati dei documenti.

L’adozione di norme obbligatorie nel governo rischia di rompere il blocco aperto dei formati proprietari, spiega Maude. A sua volta si aprirà la porta per una miriade di altri fornitori di software. L’idea prevista sarà” aiutare i reparti a fare qualcosa di semplice come condividere documenti con gli altri più facilmente.

Lasciare Office potrebbe essere un passaggio non molto semplice, soprattutto perché la suite è ancora molto diffusa tra gli uffici del governo, e non si possono rischiare problemi di incompatibilità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS